Il Commento
Ecco il comunicato CCL
domenica 25 febbraio 2018 - 11:52
 

Come presidente del Coordinamento Club Livorno esprime il più totale e fermo biasimo per il comportamento della LegaPro sulla questione della partita Arezzo-Livorno e del suo rinvio a data da destinarsi. Facciamo presente ai signori del vapore, ai Gravina & co., che ci sono anche altri aspetti d cui loro signori fanno strame: il coordinamento, come gli altri club, aveva organizzato la trasferta e sottoscritto impegni con la ditta che fornisce servizi di viaggio. Servizio che ho potuto disdire solo stamani, venerdì mattina! Perchè dobbiamo essere noi a rimetterci la faccia, perchè dobbiamo essere noi a subire, perchè dobbiamo essere noi a sperare nella comprensione della ditta e qui colgo l'occasione di ringraziare pubblicamente la Caronna Tour e la signora Serena che si sono dimostrati oltremodo gentili e disponibili. NOI TIFOSI SIAMO TRATTATI COME PEZZE DA PIEDI !!!!

Questo il comunicato ufficiale della Legapro - Con Comunicato Ufficiale pubblicato in data odierna, il Presidente della Lega Pro, Gabriele Gravina, – facendo seguito agli incontri intervenuti con l’Amministrazione Comunale di Arezzo e con le Autorità della Città; – preso atto dell’incertezza determinata dallo stato di agitazione dichiarato dai calciatori dell’Arezzo che non hanno sciolto la riserva in ordine all’eventuale sciopero per la gara in programma domenica 25 febbraio p.v. tra Arezzo e Livorno; – valutata la necessità di un urgente intervento della Lega volto a tutelare la regolarità della competizione e ad evitare l’aggravarsi della situazione; ha disposto di rinviare a data da destinarsi la gara Arezzo – Livorno in programma DOMENICA 25 FEBBRAIO 2018. Il presidente del Siena e quello del Pisa hanno parlato di campionato falsato in caso di partita data vinta a tavolino al Livorno per mancata presenza in campo dell'Arezzo!!! A parte la facile ironia del "da che pulpito vien la predica" perchè in effetti il sig Corrado, visti i precedenti, ancora caldi, dovrebbe sciacquarsi la bocca con l'acido muriatico prima di intervenire in qualsiavoglia disputa di ordine statutario, ma questi lo conoscono il regolamento che hanno sottoscritto per partecipare o credevano di giocare a mosca cieca!! Ma, come ormai sappiamo da tempo, in Italia vince chi si fa beffe di leggi, regole e codici! E la LegaPro si appiattisce a chi più è di suo interesse con la scusa, alquanto meschina, di "tutelare la regolarità del campionato". Esistono le "NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C." che nella parte II "Funzioni" al TITOLO III.- ORDINAMENTO DEI CAMPIONATI E DELLE GARE così recita agli artt. 53 e seguenti: Art. 53 Rinuncia a gara e ritiro od esclusione delle società dal Campionato 1. Le società hanno l'obbligo di portare a termine le manifestazioni alle quali si iscrivono e di far concludere alle proprie squadre le gare iniziate. 2. La società che rinuncia alla disputa di una gara di campionato o di altra manifestazione o fa rinunciare la propria squadra a proseguire nella disputa della stessa, laddove sia già in svolgimento, subisce la perdita della gara con il punteggio di 0-3, ovvero 0-6 per le gare di calcio a cinque, o con il punteggio al momento più favorevole alla squadra avversaria nonché la penalizzazione di un punto in classifica, fatta salva l’applicazione di ulteriori e diverse sanzioni per la violazione dell’art. 1 comma 1 del C.G.S. 3. Qualora una società si ritiri dal Campionato o ne venga esclusa per qualsiasi ragione durante il girone di andata, tutte le gare in precedenza disputate non hanno valore per la classifica, che viene formata senza tenere conto dei risultati delle gare della società rinunciataria od esclusa. 4. Qualora una società si ritiri dal Campionato o da altra manifestazione ufficiale o ne venga esclusa per qualsiasi ragione durante il girone di ritorno tutte le gare ancora da disputare saranno considerate perdute con il punteggio di 0-3, ovvero 0-6 per le gare di calcio a cinque, in favore dell’altra società con la quale avrebbe dovuto disputare la gara fissata in calendario. 5. Fatto salvo quanto previsto al successivo comma 5 bis, la Società che rinuncia per la quarta volta a disputare gare è esclusa dal Campionato o dalla manifestazione ufficiale. 5 bis. Le società dilettantistiche che, a causa del mancato adempimento degli oneri di iscrizione al Campionato, non disputino due gare, ai sensi del regolamento della LND, sono escluse dal Campionato stesso. 6. Il mancato pagamento di somme, coattivamente disposto dalle Leghe, dal Settore per l’attività giovanile e scolastica, dalle Divisioni, dai Comitati e dai Dipartimenti, equivale a rinuncia alla disputa della gara. 7. Alle società che rinunciano a disputare gare od a proseguire nella disputa delle stesse, sono irrogate anche sanzioni pecuniarie nella misura annualmente fissata dalle Leghe e dal Settore per l'Attività Giovanile e Scolastica. Le stesse sono altresì tenute a corrispondere eventuali indennizzi, secondo le determinazioni degli organi disciplinari. 8. Alle società che si ritirino o siano escluse dal Campionato o da altre manifestazioni ufficiali nei casi di cui al comma 3 del presente articolo sono irrogate sanzioni pecuniarie fino a dieci volte la misura prevista per la prima rinuncia; le stesse sono altresì tenute a restituire eventuali percentuali alle società che le hanno in precedenza ospitate e che, per effetto della rinuncia o della esclusione, non possono essere a loro volta ospitate. 9. Sono parimenti irrogate sanzioni pecuniarie fino a dieci volte la misura prevista per la prima rinuncia alle società che si ritirino o siano escluse dal Campionato o da altre manifestazioni ufficiali nel caso di cui al comma 4 del presente articolo. 10.Le Leghe, il Settore per l'Attività Giovanile e Scolastica, le Divisioni ed i Comitati, quando ritengono che il ritiro di una società da una manifestazione ufficiale sia dovuto a causa di forza maggiore, possono, su motivata istanza della società interessata, richiedere al Presidente Federale una deroga alle disposizioni del presente articolo. Art. 54 Ritardo nella presentazione in campo delle squadre. Tempo d'attesa 1. Le squadre hanno l'obbligo di presentarsi in campo all'ora fissata per l'inizio dello svolgimento della gara. 2. Nel caso di ritardo, fatte salve le sanzioni irrogabili dagli organi disciplinari ove il ritardo stesso sia ingiustificato, l'arbitro deve dare comunque inizio alla gara purché le squadre si presentino in campo in divisa di giuoco entro un termine pari alla durata di un tempo della gara. 3. È facoltà delle Leghe, del Settore per l'Attività Giovanile e Scolastica e dei Comitati ridurre tale termine. Art. 55 Mancata partecipazione alla gara per causa di forza maggiore 1. Le squadre che non si presentano in campo nel termine di cui all'art. 54, comma 2, sono considerate rinunciatarie alla gara con le conseguenze previste dall'art. 53, salvo che non dimostrino la sussistenza di una causa di forza maggiore. 2. La declaratoria della sussistenza della causa di forza maggiore compete al Giudice Sportivo in prima istanza e alla Commissione Disciplinare in seconda e ultima istanza. Il procedimento innanzi al Giudice Sportivo ed alla Commissione Disciplinare è instaurato nel rispetto delle modalità procedurali previste dal Codice di Giustizia Sportiva. Queste NORME sono sottoscritte da chi partecipa ai campionati o no? Sono scritte ma si applicano come, quando e a chi interessa? Non sembrano esserci deroghe o regole di difficile interpretazione. CHE I REGOLAMENTI SIANO RISPETTATI DA TUTTI altrimenti STRACCIATELI. Per gli interessi, copiosi, di pochi, si sono voluti fare 3 gironi a 20 squadre, richiamando i riservisti della serie D! La COVISOC cosa sta a guardare? Se una società di serie C ha oltre 2 milioni di debiti NON SI FA ISCRIVERE o deve dare ampie garanzie fidejussorie che appianerà i debiti pregressi e futuri, altrimenti NON GIOCA!! Non è obbligatorio per una città avere una squadra di calcio, se ne fa anche a meno ... già ma il businnes che c'è dietro e i lauti guadagni dove andrebbero? BASTA avete veramente oltrepassarto il limite.

comments powered by Disqus

< lista completa
Speciale Amaranto
Dì la tua su ...
La Pagella di Carlo
 
SONDAGGIO
Diamanti sempre dall'inizio?
In casa si,fuori al bisogno
Si
No
Non so'
Siamo troppo Alino-dipendenti
Giochiamo a due punte piu' Murillo
Va rilanciato Maiorino come alter ego
Risultati

Classifica aggiornata al 24/9/2018

Hellas Verona 10
Cittadella 9
Palermo 8
Pescara 8
Benevento 7
Cremonese 6
Crotone 6
Spezia 6
Padova 5
Lecce 5
Salernitana 5
Perugia 4
Ascoli 4
Venezia 3
Brescia 3
Cosenza 2
Carpi 1
Livorno 1
Foggia -5

 

 

 


Sito ad aggiornamento aperiodico gestito da Raimondo Bongini - © 2013 illivornese.it all rights reserved. Web design by Esse-I Soluzioni Informatiche
Tutti i marchi ed immagini pubblicati sono proprietà dei rispettivi titolari e vengono utilizzati senza fine di lucro