Speciale Amaranto
Conosciamo il la Cremonese, prossimo avversario del Livorno
mercoledė 26 aprile 2017 - 15:00
 


Unione Sportiva Cremonese s.p.a. (1903)



La Cremonese nacquè ufficialmente nel lontano 24 marzo 1903. Il calcio si affermò significativamente a partire dal 1913, quando dopo la fusione con l'Associazione Calcio Cremona, la U.S. Cremonese si affiliò alla Federazione Italiana Giuoco Calcio. Alla sua prima stagione la squadra vinse il campionato di Promozione del 1913/14 conquistando la promozione in Prima Categoria. Con il salto di categoria la società scelse le divise grigiorosse utilizzate ancora oggi. Nell'immediato dopo guerra nell'annata 1925/26, al termine di quel campionato di serie A la Cremonese si piazzò al secondo posto (miglior risultato di sempre della storia del club lombardo). Con lo scoppio della Seconda guerra mondiale il calcio si fermò. Alla ripresa dei campionati la Cremonese disputò una serie di campionati tra serie B, C e quarta serie. Dopo aver conquistato la promozione in serie C, dal settore giovanile grigiorosso uscì Antonio Cabrini che esordì in prima squadra nel 1973. Nel 1977, la squadra, guidata dal prodotto del vivaio Cesare Prandelli, ottenne la promozione in serie B. Nella stagione 1980/81 la Cremonese, in cui esordì il 16enne Gianluca Vialli, tornò in serie B. Con l'arrivo del tecnico Emiliano Mondonico, nel 1983/84, tornò in serie A dopo 54 anni. Al termine della stagione retrocesse immediatamente ma tornò comunque nella massima serie nel 1989. La Cremonese guidata dall'ex tecnico del Livorno Tarcisio Burgnich retrocesse immediatamente in serie B. L'anno successivo l'allenatore Gustavo Giagnoni riuscì a riportare la squadra in serie A. Nel 1992, con l'arrivo di Gigi Simoni, la Cremonese tornò in serie A. Il 27 marzo 1993 conquista il Trofeo Anglo-Italiano. La squadra lombarda rimase nella massima serie per tre stagioni consecutive. In soli due anni la squadra retrocesse dalla serie A alla C1, finendo addirittura in serie C2 nel 1999/00. Dopo un breve ritorno in serie B, la società non riuscì a lasciare la serie C.



Presidente: Michelangelo Rampulla



Vice-presidente: dott. Maurizio Ferraroni



Consiglio di amministrazione: avv. Giovanni Benedini, Giuseppe Carletti, avv. Bruno Guareschi, dott. Costantino Vaia, dott. Uberto Ventura, avv. Roberto Zanchi



Direttore generale: Stefano Giammarioli



Segreteria sportiva: Andrea Barbiani



Responsabile amministrativo: dott. Alberto Losi



Presidente collegio sindacale: dott. Andrea Pedroni



Segreteria amministrativa: Clara Negri



Responsabile marketing e comunicazione: Stefano Allevi



Ufficio marketing e comunicazione e S.L.O.: Daniele Fioni



Responsabile biglietteria: Andrea Barbiani



Responsabile organizzazione stadio: Fausto Tabaglio



Delegato alla sicurezza: Fausto Tabaglio



Vice delegato alla sicurezza: Samuele Noli



Allenatore: Attilio Tesser è nato a Montebelluna (Treviso) il 10 giugno 1958. Come calciatore ruolo terzino sinistro, cresce nel Montebulluna (1974). Poi si trasferisce al Treviso, dove disputa due stagioni in serie C. Quindi nella stagione 1978/79 passa al Napoli in serie A. Nel 1980 lo acquista l'Udinese. Con i friulani disputa cinque campionati. Nel 1985 passa al Perugia in serie B. L'anno successivo viene ceduto al Catania. Dopo due stagioni con il Trento, nel 1991, appende le scarpe al chiodo. La carriera di allenatore comincia con il Sevegliano in serie D. Poi passa nei settori giovanili di Venezia e Udinese. Dopo sette anni lo ingaggia il Sudtirol-Alto Adige. In Trentino rimane due stagioni. Raggiunge in entrambi i campionati i playoff ma perde le finali contro Brescello e Novara. Nel 2003 approda alla Triestina in serie B. Anche a Trieste rimane due anni. Nella stagione 2005/06 finisce alla guida del Cagliari in serie A, ma dopo una sola giornata viene esonerato dal presidente Cellino. Nel 2006 passa all'Ascoli, sempre in serie A. Dopo 11 partite anche con i bianconeri arriverà l'esonero. Nel 2007 gli viene affidata la panchina del Mantova e con i lombardi arriva il terzo esonero consecutivo. Nel 2009, a gennaio, sostituisce Sabatini sulla panchina del Padova in serie C1. L'esperienza con i veneti dura appena cinque giornate. L'anno dopo lo ingaggia il Novara e Tesser porta i piemontesi in serie B, vincendo anche la Supercoppa di Lega Pro. L'anno successivo la compagine azzurra conquista una storica promozione in serie A. A gennaio Tesser viene esonerato ma viene richiamato a marzo. Nel frattempo la Figc lo premia con la "Panchina d'Argento" ma il sogno del Novara si interrompe a due giornate dalla fine del campionato con la retrocessione in serie B. Comunque Tesser viene confermato per il campionato di serie B 2012/13. La quarta esperienza in Piemonte si chiude ad ottobre quando viene esonerato. Nel 2013, a dicembre, riparte dalla Ternana, dove conquista la salvezza (16° posto). L'anno successivo arriva 12° in campionato. L'11 giugno 2015 passa all'Avellino ma il 22 marzo 2016 viene esonerato. Dopo appena un mese ritorna sulla panchina dei campani. Infine il 31 maggio 2016 diventa il nuovo allenatore della Cremonese



Allenatore in seconda: Mark Strukelj



Preparatori dei portieri: Leonardo Cortiula



Preparatore atletico: prof. Ivano Tito



Responsabile settore sanitario: dott. Giovanni Bozzetti



Fisioterapisti: Sandro Rivetti, Andrea Gualtieri, Samuele Ponzoni



Team manager: Federico Dall'Asta



Responsabile settore giovanile: Giovanni Bonavita



Responsabile organizzativo: Guerrino Ghio



Responsabile attività di base: Mauro Bonali



Responsabile tecnico attività di base: Paolo Mondini



Segretaria: Francesca Cremaschi



Allenatore "Berretti": Giorgio Gatti



Campo di gioco: lo stadio Giovanni Zini è stato inaugurato il 2 novembre del 1929. Nel 1924 venne intitolato al portiere dell'U.S. Cremonese Zini deceduto durante la prima guerra mondiale. Nel 2007 è stato oggetto di importanti lavori di ristrutturazione. Attualmente lo Zini dispone di 7.490 posti



Centro sportivo Giovanni Arvedi: è il nuovo Centro Sportivo del settore giovanile dell'U.S. Cremonese. Tanto verde e cinque campi da calcio: due in erba sintetica e tre in erba naturale. Il fabbricato è su due piani all'interno dei quali sono previsti: reception, sala stampa/riunioni, uffici per prima squadra e settore giovanile, appartamento del custode, camere uso foresteria per gli ospiti con annessa cucina. Nel corpo secondario sono previsti sei spogliatoi per il settore giovanile, due spogliatoi per arbitri e allenatori, palestra, sala idromassaggio, sala medica, sala fisioterapica, sala massaggi, spogliatoio per la prima squadra, spogliatoi per lo staff della prima squadra, magazzino e parcheggio auto



Colori sociali: 1^ divisa maglia grigio-rossa, calzoncini e calzettoni rossi



Sponsor: Iltainox, Arinox



Sponsor tecnico: Acerbis



Albo d'oro: 1 Coppa Anglo-Italiana (1992/93)



Gli ex amaranto: Giuseppe Gemiti nel 2012 si trasferisce al Livorno a titolo definitivo. Con la formazione amaranto ottiene subito la promozione in serie A, collezionando 39 presenze. Milita per altre due stagioni con la maglia amaranto totalizzando 39 presenze e nel 2015 lascia il Livorno. Salviato dopo aver militato nel Mantova, viene acquistato dal Livorno in serie B (2010/11). In tre stagioni totale per Salviato sono arrivate 96 presenze e anche 4 reti. Il 2 giugno 2013 conquista la serie A con il Livorno. Dopo un mese lascia la maglia amaranto e passa al Novara in serie B. Luca Belingheri, classe 1983, ruolo centrocampista, nel 2010 si trasferisce al Livorno. Con la maglia amaranto gioca tre stagioni su buoni livelli: 81 presenze e 24 reti. Con il Livorno arriva una delle soddisfazioni più grandi della sua carriera, con la promozione in serie A, nella stagione 2012/13. Il 24 gennaio 2014 interrompe la sua avventura amaranto e passa in prestito al Cesena. L'anno dopo ritorna al Livorno dove colleziona 15 presenze e nessun gol. Infine Davide Moro, centrocampista centrale classe 1982, arriva a Livorno in prestito dall'Empoli, nella stagione 2009/10 (serie A). L'avventura con i labronici si chiude con 28 presenze ma con la retrocessione degli amaranto in serie B



Precedenti a Livorno in campionato: partite disputate 13 (1 in serie A, 5 in B, 2 in C1, 5 in C); vittorie Livorno 8 (ultima stagione 1999-00, 2-1), pareggi 3 (ultimo stagione 1973/74 1-1), vittorie Cremonese 2 (ultima stagione 1957-58, 1-2) 



Classifica: 1° posto con 72 punti



Capocannoniere: Andrea Brighenti, classe 1987, ruolo attaccante con 15 reti



Cremonese fuori casa: 10 vittorie (2-3 Pro Piacenza, 0-1 Carrarese, 0-1 Tuttocuoio, 0-4 Pontedera, 0-3 Racing Roma, 0-2 Renate, 0-1 Arezzo, 1-3 Olbia, 0-2 Siena, 0-1 Prato), 3 pareggi (0-0 Viterbese, 1-1 Alessandria, 2-2 Como), 5 sconfitte (2-1 Lupa Roma, 1-0 Lucchese, 2-1 Giana Erminio, 3-0 Piacenza, 3-1 Pistoiese). Reti fatte Cremonese 27, subite 17



Diffidati: Belingheri, Perrulli



Indisponibili: Lucchini



Squalificati: nessuno



Probabile formazione (4-3-1-2): Ravaglia, Salviato, Canini, Marconi, Ferretti, Scarsella, Pesce, Porcari, Maiorino, Brighenti, Scappini.



Prima squadra Portieri: Bellucci 1997, Galli 1993, Ravaglia 1988.



Difensori: Bastrini 1987, Canini 1985, Ferretti 1994, Forni 1999, Gemiti 1981, Lucchini 1980, Marconi 1989, Procopio 1996, Ridolfi 1994, Salviato 1987, Stanghellini 1997.



Centrocampisti: Belingheri 1983, Cavion 1994, Moro 1982, Pesce 1982, Porcari 1984, Scarsella 1989.



Attaccanti: Brighenti 1987, Maiorino 1989, Perrulli 1985, Scappini 1988, Stanco 1987, Talamo 1996.



Movimenti di mercato (gennaio)



Arrivi: Ridolfi 1994 difensore dall’Olhanense-Portogallo (prestito/Atalanta), Bastrini 1987 difensore dal Catania (definitivo), Talamo 1996 attaccante dal Siracusa (prestito/Latina), Canini 1985 difensore dal Parma (prestito/Atalanta).



Partenze: Haouhache 1996 attaccante al Mantova (prestito), Ruci 1996 centrocampista al Bassano (prestito), Polak 1989 difensore all'FC Slovan Liberec-Repubblica Ceca (definitivo), Gamberetti 1992 difensore alla Feralpisalò (prestito), Luperini 1994 centrocampista alla Pistoiese (prestito).



Precedenti in campionato dalla stagione 1929-30



1929-30 serie A 05/01/1930 Cre.-Liv. 1-2 (44' Agosti C, 48' Palandri L, 57' Magnozzi L) Ferro di Milano / 29/05/1930 Liv.-Cre. 1-1 (20' Silvestri L, 52' Subinaghi C) Guarnieri di Milano



1931-32 serie B 17/01/1932 Liv.-Cre. 2-3 (3' Castellani L, 26' Corsetti L, 31' Cavicchioli C, 52' Dalle Vedove C, 83' Foglia C) Gonani di Ravenna / 05/06/1932 Cre.-Liv. 1-1 (53' Corsanini C, 55' Silvestri L) Brunelli di Bologna



1932-33 serie B 16/10/1932 Liv.-Cre. 5-0 (6' Miniati, 35' Martini, 68' Silvestri, 69' Miniati, 70' Nekadoma) Rovida di Milano / 19/03/1933 Cre.-Liv. 1-1 (56' Nekadoma L, 85' Staffetta C) Corradini di Bologna



1936-37 serie B 03/01/1937 Cre.-Liv. 0-1 (31' Arcari IV) Gonani di Ravenna / 09/05/1937 Liv.-Cre. 4-0 (72' Arcari IV, 81' Arcari IV, 84' Costanzo, 88' Arcari IV) De Benedictis di Nardò



1949-50 serie B 22/01/1950 Cre.-Liv. 5-0 (11' Paulinich, 27' Masoni, 33' Paulinich, 77' Granata, 85' Masoni) Canavesio di Torino / 25/06/1950 Liv.-Cre. 1-0 (25' Bartolini) Moratelli di Bologna



1950-51 serie B 15/10/1950 Liv.-Cre. 1-1 (23' Lenci rig. C, 37' Benini L) Marchese di Napoli / 11/03/1951 Cre.-Liv. 0-1 (27' Ghezzani) Piemonte di Monfalcone



1954-55 serie C 21/11/1954 Liv.-Cre. 4-1 (40' Bernardis L, 49' Bronzoni L, 55' Bronzoni rig. L, 57' Trevisani C, 62' Bernardis L) Gambarotta di Genoa / 17/04/1955 Cre.-Liv. 1-1 (52' Taccola III L, 53' Loiodice C) Maurelli di Como



1956-57 serie C 25/11/1956 Cre.-Liv. 2-1 (56' Della Frera rig. C, 65' Masoni L, 72' Bicicli C) Clemente di Roma / 31/03/1957 Liv.-Cre. 2-1 (39' Puccinelli rig. L, 70' Masoni L, 78' Bicicli) Ubezio di Novara



1957-58 serie C 15/12/1957 Cre.-Liv. 2-1 (19' Bertolani C, 52' Castoldi C, 65' Gratton L) Morini di Reggio Emilia / 27/04/1958 Liv.-Cre. 1-2 (9' Gratton L, 67' Goi C, 78' Franzini C) Sebastio di Taranto



1958-59 serie C/A 23/11/1958 Liv.-Cre. 5-2 (5' Pisetta L, 16' Garzonio C, Bretti L, 51' Bartolini L, 70' Favalli C, 87' Mungai L, 90' Mungai L) Trezza di Verona / 12/04/1959 Cre.-Liv. 2-1 (22' Gratton L, 42' Favalli C, 71' Bolzoni C) Baldassarre di Udine



1973-74 serie C/B 18/11/1973 Cre.-Liv. 1-2 (27' Cassago C, 32' Scanziani L, 67' Scanziani L) Migliore di Salerno / 14/04/1974 Liv.-Cre. 1-1 (14' Bercellino L, 33' Mondonico C) Agate di Torino



1997-98 serie C1/A 05/10/1997 Cre.-Liv. 1-2 (4' Bonaldi L, 31' Nardini L, 68' Godeas C) Castellani di Verona / 22/02/1998 Liv.-Cre. 2-1 (27' Mirabelli C, 63' Vincioni L, 73' Nardini L) Castellani di Verona



1999-00 serie C1/A 06/01/2000 Liv.-Cre. 2-1 (33' Favi L, 42' Zanetti C, 52' Nincheri L) Mazzoleni di Bergamo / 14/05/2000 Cre.-Liv. 1-1 (27' Capuano C, 82' Domizzi L) Bianchi di Lucca



2016-17 serie C/A 12/12/2016 Cre.-Liv. 2-3 (4' Lambrughi L, 16' Scarsella C, 46' Brighenti C, 66' Gasbarro L, 72' Murilo L) Balice di Termoli



Totale gare disputate in campionato: 27. Vittorie Livorno 14, pareggi 7, vittorie Cremonese 6. Reti fatte Livorno 49, subite 34.



A Livorno: 13. Vittorie Livorno 8, pareggi 3, vittorie Cremonese 2. Reti fatte Livorno 31, subite 14.



A Cremona: 14. Vittorie Cremonese 4, pareggi 4, vittorie Livorno 6. Reti fatte Cremonese 20, subite 18.



Marcatori del Livorno: 4 reti Arcari IV; 3 reti Silvestri, Gratton; 2 reti Miniati, Nekadoma, Bernardis, Bronzoni, Masoni, Bartolini, Mungai, Scanziani, Nardini; 1 rete Palandri, Magnozzi, Castellani, Corsetti, Martini, Costanzo, Benini, Ghezzani, Taccola III, Puccinelli, Pisetta, Bretti, Bercellino, Bonaldi, Vincioni, Favi, Nincheri, Domizzi, Lambrughi, Gasbarro, Murilo.



Playoff



1997-98 serie C1/A finale play off 14/06/1998 Cre.-Liv. 1-0 dts (118' Guarnieri) Gabriele di Frosinone



Coppa Italia



2010-11 2.o turno eliminatorio 15/08/2010 Liv.-Cre. 1-0 (87' Pagano) Tozzi di Ostia Lido (Livorno passa al 3.o turno)




commenta
Di tutto...di pių...il Piacenza dell'ex Marchi
lunedė 17 aprile 2017 - 20:57
 


Piacenza Calcio 1919



Il Piacenza Football Club venne fondata nel 1919. Il club sceglie come colori sociali il bianco e rosso. Nel primo campionato a cui prese parte, nel 1919/20, il Piacenza vinse subito ottenendo la promozione in Prima Categoria (era la massima divisione dell'epoca). Dal campionato 1935/36 la squadra emiliana rimase tra serie D e C con qualche annata nella serie B fino alla metà degli anni '80. Con il 1983 iniziò il periodo d'oro per il Piacenza Calcio grazie all'arrivo del presidente Leonardo Garilli. Risale dalla serie C2, per arrivare alla serie B. Ritorna in serie C ma dal 1990/91 inizia una straordinaria ascesa fino a raggiungere per la prima volta in serie A nel 1993/94. Disputerà 8 campionati di serie A e 10 in serie B. Nella stagione di serie B 2010/11, la società in difficoltà economiche, retrocede in Lega Pro Prima Divisione. Il 22 marzo 2012 la società viene dichiarata fallita. Riesce a centrare al primo tentativo la promozione in serie D. Quindi disputa tre campionati in Quarta Serie, fino alla promozione in Lega Pro conquistata alcuni mesi fa.



Presidente: Marco Gatti



Presidente onorario: Stefano Gatti



Direttore generale: Marco Scianò



Consiglieri: Giovanni Bancalari, Davide Battistotti, Emilio Gatti, Marco Scianò, Paolo Seccaspina



Segretario generale: Simona Migliorini



Responsabile sicurezza: Vergilio Sponga



Ufficio stampa: Roberto Gregori



Responsabile marketing: Francesco Fiorani



Area digital - Web & social: Giuseppe Lapietra, Fabrizio Milani, Federico Zucca



Relazioni esterne: Isabella Martini



Area marketing: Emilia Agency



Allenatore: Arnaldo Franzini, 48enne tecnico di Vernasca (provincia di Piacenza), era un centrocampista di interdizione, cresciuto nelle giovanili del Parma. Poi ha trascorso nove anni al Brescello con i gradi capitano. Dopo Rimini, Sassuolo e Montichiari, è poi passato al Fiorenzuola (2000). Quindi ha vestito le maglie di Poggese e Voghera, per ritirarsi alla soglia dei 35 anni. Da allenatore negli ultimi sette campionati ha colto quattro promozioni: tre con il Pro Piacenza, portato dalla Promozione in Lega Pro dal 2009 al 2014 e una con Piacenza (2015/16). Franzini ha plasmato la sua squadra con il suo credo "sacchiano" del 4-3-3



Preparatori atletici: Igor Bonazzi, Gianfranco Baggi



Preparatore portieri: Massimo Ferrari



Team manager: Andrea Lussardi



Dirigente addetto all'arbitro: Alessandro Brizzolesi



Medici sociali: dott. Rosario Brancati, dott. Giovanni Arata



Fisioterapisti: dott. Paolo Fumi, dott. Mattia Tanzini



Vice presidente settore giovanile: Paolo Seccaspina



Responsabile: Francesco Guareschi



Segreterio: Roberta Miglietti



Responsabile tecnico attività agonistica: Mario Cristalli



Collaboratore area tecnica e scouting: Pietro Rancati



Collaboratori area tecnica: Roberto Zilli, Avio Franzone



Responsabile tecnico attività di base: Carlo Abbiati



Coordinatore attività di base: Paolo Corradini



Responsabile area organizzativa: Daniele Pancini



Preparatore dei portieri attività di base: Alberto Bernazzani, Edo Gazzola



Allenatore Berretti: Balestri Gianluca



Campo di gioco: lo stadio Leonardo Garilli è l'impianto sportivo del Piacenza Calcio e del Pro Piacenza. E' stato costruito nel 1969 e fu intitolato a Leonardo Garilli nel 1997. Nel 2007, lo stadio ha dovuto subire lavori di adeguamento per motivi di sicurezza. L'attuale capienza dell'impianto è di 21.668 posti a sedere



Colori sociali: maglia rossa con colletto bianco, calzoncini bianchi, calzettoni rossi



Sponsor: Banca Centropadana, LTP, Steel



Sponsor tecnico: Macron



Palmares: 1 Trofeo Anglo-Italiano 1985/86



Precedenti a Piacenza in campionato: partite disputate 10 (4 in serie B, 5 in C, 1 in C1), vittorie Piacenza 3 (ultima stagione 1973-74, 3-0), pareggi 5 (ultimo stagione 2008-09, 1-1), vittorie Livorno 2 (ultima stagione 2010-11, 0-1)



Classifica: 6° posto con 56 punti



Capocannoniere: Anthony Taugourdeau, classe 1989, ruolo centrocampista con 9 reti



Piacenza in casa: 9 vittorie (3-2 Lupa Roma, 2-1 Olbia, 3-1 Como, 1-0 Pontedera, 3-0 Cremonese, 1-0 Pistoiese, 3-0 Siena, 1-0 Carrarese, 4-0 Pro Piacenza), 3 pareggi (0-0 Viterbese, 0-0 Tuttocuoio, 0-0 Renate), 5 sconfitte (1-2 Alessandria, 0-1 Giana Erminio, 1-4 Racing Roma, 1-2 Lucchese, 1-2 Arezzo). Gol realizzati Piacenza 25, subiti 15



Diffidati: Pergreffi, Razziti, Romero



Indisponibili: Pelizzoli, Dossena



Squalificati: nessuno



Probabile formazione (4-4-2): Miori, Pergreffi, Silva, Sciacca, Castellana, Segre, Cazzamalli, Hraiech, Masullo, Romero, Nobile.



Prima squadra



Portieri: Lanzano 1990, Miori 1995, Pelizzoli 1980.



Difensori: Abbate 1983, Castellana 1995, Colombini 1997, Contini 1997, Di Cecco 1996, Masullo 1992, Pergreffi 1988, Sciacca 1996, Silva 1991.



Centrocampisti: Bertoli 1996, Cazzamalli 1979, Dossena 1981, Hraiech 1995, La Vigna 1997, Rossi 1995, Segre 1997, Taugourdeau 1989.



Attaccanti: Debeljuh 1996, Franchi 1985, Matteassi 1979, Nobile 1991, Pozzebon 1997, Razzitti 1989, Romero 1995, Tulissi 1997.



Movimenti di mercato (gennaio)



Arrivi: Romero 1995 attaccante dalla Feralpisalò (definitivo), Nobile 1991 attaccante dall'Albano (definitivo), Pozzebon 1997 attaccante dal Groningen-Paesi Bassi (prestito/Juventus), Masullo 1992 difensore dalla Robur Siena (definitivo), Tulissi 1997 attaccante dal Modena (prestito/Atalanta), Lanzano 1990 portiere dal Grosseto (definitivo), Dossena 1981 centrocampista dall'FC Chiasso-Svizzera (definitivo), Bertoli 1996 centrocampista dal Brescia Primavera (prestito).



Partenze: Barba 1995 centrocampista al Pro Piacenza (prestito/Pescara), Agostinone 1988 difensore al Lecce (definitivo), Kastrati 1997 portiere KF Teuta-Albania (prestito/Pescara), Titone 1988 attaccante al Matelica (definitivo), Cesana 1996 attaccante alla Folgore Caratese (definitivo).



Precedenti in campionato dalla stagione 1952-53



1952-53 serie C 14/09/1952 Pia.-Liv. 1-0 (78' Bonistalli) Matteucci di Roma / 25/01/1953 Liv.-Pia. 2-1 (12' Bernardis L, 36' Petersen rig. L, 59' Trevisan P) Canavesio di Torino



1953-54 serie C 27/12/1953 Pia.-Liv. 1-1 (26' Taccola III L, 74' Zucchinali P) Menchini di Udine / 09/05/1954 Liv.-Pia. 0-0 Adami di Roma



1954-55 serie C 19/09/1954 Liv.-Pia. 4-0 (8' Taccola III, 12' Bernardis, 47' Bronzoni, 61' Bernardis) Bartolomei di Roma / 06/02/1955 Pia.-Liv. 3-0 (10' Guarnieri, 58' Rossetti, 70' Rossetti) Coppa di Como



1958-59 serie C/A 08/02/1959 Liv.-Pia. 1-0 (60' Gratton) Carpani di Pavia / 14/06/1959 Pia.-Liv. 2-2 (24' Galandini P, 25' Lombardi P, 72' Gratton L, 81' Mungai L) Bellotto di Pordenone



1969-70 serie B 28/12/1969 Pia.-Liv. 1-1 (49' Tentorio rig. P, 58' Santon L) Gussoni di Tradate / 17/05/1970 Liv.-Pia. 2-0 (13' Badiani, 83' Stanzial rig.) Bernardis di Roma



1973-74 serie C/B 07/10/1973 Liv.-Pia. 0-0 Selicorni di Novara / 24/02/1974 Pia.-Liv. 3-0 (40' Parone, 49' Righi, 90' Parone) Presti di Trapani



1984-85 serie C1/A 16/12/1984 Liv.-Pia. 1-1 (30' Crialesi rig. P, 32' Vitale rig. L) Acri di Novi Ligure / 12/05/1985 Pia.-Liv. 1-1 (66' Di Nicola P, 85' Liucci L) Bailo di Novi Ligure



2003-04 serie B 06/01/2004 Liv.-Pia. 2-0 (71' Vanigli, 95' Ruotolo) Castellani di Verona / 29/05/2004 Pia.-Liv. 1-3 (49' Ruotolo L, 57' Melara L, 88' C. Lucarelli L, 93' Beghetto P) Pieri di Lucca



2008-09 serie B 13/09/2008 Pia.-Liv. 1-1 (33' Tavano L, 61' Graffiedi P) Gava di Conegliano / 07/02/2009 Liv.-Pia. 3-0 (4' Tavano, 25' Diamanti, 28' Rossini) Candussio di Cervignano del Friuli



2010-11 serie B 11/12/2010 Pia.-Liv. 0-1 (49' Surraco) Massa di Imperia / 14/05/2011 Liv.-Pia. 1-0 (81' Dionisi) Tommasi di Bassano del Grappa



2016-17 serie C/A Liv.-Pia. 2-2 (38' Franchi P, 48' Franchi P, 53' Maritato L, 72' Cellini L) Zufferli di Udine



Partite disputate: 21. Vittorie Livorno 9, pareggi 9, vittorie Piacenza 3. Reti fatte Livorno 28, subite 18.



A Livorno: 11. Vittorie Livorno 7, pareggi 4, vittorie Piacenza 0. Reti fatte Livorno 18, subite 4.



A Piacenza: 10. Vittorie Piacenza 3, pareggi 5, vittorie Livorno 2. Reti fatte Piacenza 14, subite 10.



Marcatori del Livorno: 3 reti Bernardis; 2 reti Taccola III, Ruotolo, Tavano, Gratton; 1 rete Petersen, Bronzoni, Mungai, Santon, Badiani, Stanzial, Vitale, Liucci, Vanigli, Melara, C. Lucarelli, Diamanti, Rossini, Surraco, Dionisi, Maritato, Cellini.



Coppa Italia



1936-37 sedicesimi di finale 6 gennaio 1937 Livorno-Piacenza 6-2 (12' Pollastri aut. L, 29' Angelini L, 33' Gaddoni P, 38' Capaccioli L, 49' Capaccioli L, 75' Montanari L, 77' Montanari L, 84' Cella P) Rosa di Roma (passa il Livorno agli ottavi di finale)




commenta
Speciale Amaranto
Dì la tua su ...
La Pagella di Carlo
 
SONDAGGIO
Vi convince il nuovo Livorno ?
Si
No
Non so'
Aspetto rinforzi
Mi manca un Diamanti..
Mi manca un'alternativa a Vantaggiato..
Risultati

Classifica aggiornata al 21/11/2017

Livorno 36
Pisa 28
Robur Siena 27
Viterbese 24
Olbia 23
Lucchese 23
Monza 21
Arzachena 20
Carrarese 20
Arezzo 19
Pistoiese 19
Piacenza 18
Giana Erminio 17
Pontedera 16
Cuneo 13
Alessandria 12
Pro Piacenza 11
Gavorrano 10
Prato 8

 

 

 


Sito ad aggiornamento aperiodico gestito da Raimondo Bongini - © 2013 illivornese.it all rights reserved. Web design by Esse-I Soluzioni Informatiche
Tutti i marchi ed immagini pubblicati sono proprietà dei rispettivi titolari e vengono utilizzati senza fine di lucro