Speciale Amaranto
Conosciamoli meglio: lo Spezia di mister Marino
martedė 2 ottobre 2018 - 21:57
 


Spezia Calcio s.r.l. (1906)



La storia della squadra ligure cominciò nel 1906. Nel suo palmares può vantare la vittoria di un titolo nazionale grazie alla vittoria del Campionato di Guerra nel 1944. Vinse in finale contro il blasonato e leggendario Torino. In quel periodo il campionato fu sopeso e sostituito dal Campionato di Guerra. Lo Spezia indossa una maglia bianca con pantaloncini, calzettoni neri e i suoi calciatori sono soprannominati gli Aquilotti. Negli anni Venti e Trenta lo Spezia giocò in serie B. Gli anni Cinquanta furono gli anni bui per i liguri che finirono addirittura nella Promozione Regionale. Nel 1957, gli Aquilotti riuscirono a tornare in serie C. Nel 1977/78 sotto la guida tecnica di Franco Scoglio ottenero un 6° posto che consentì l'accesso alla neonata serie C1. Nel 1986 a causa di vicissitudini giudiziarie del presidente i liguri arrivarono al fallimento. Negli anni Duemila dopo aver sfiorato più volte la promozione in serie B, i liguri conquistarono nel 2005 la Coppa Italia serie C. Nella stagione successiva conquistarono una storica promozione in serie B. Nel 2008 arrivò un altro fallimento, con l'inevitabile retrocessione in serie D. Proprio in quell'anno, lo Spezia Calcio venne acquistato dall'imprenditore Gabriele Volpi. La stagione successiva gli Aquilotti vennero ripescati in Lega Pro Seconda Divisione. Quindi nella stagione 2011/12 conquistarono la serie B, la Coppa Italia Lega Pro e la Supercoppa di Lega di Prima Divisione. Negli ultimi anni lo Spezia, nel campionato cadetto, sono tra le squadre più competitive.



Presidente onorario: Gabriele Volpi nato a Recco nel 1943, a partire dagli anni Settanta, ha tessuto una complessa rete di affari incentrata sulla prima ricchezza della Nigeria: il petrolio. Dagli anni Ottanta in poi per la gestione dei principali porti nigeriani, Volpi, ha messo in piedi diverse società attive in settori legati a quello petrolifero come i tubi e la logistica. Nel 2008 Volpi è diventato il presidente dello Spezia, quando ancora militava in serie D.



Presidente: Stefano Chisoli



Vice-presidente: Andrea Corradino



Amministratore delegato: Luigi Micheli



Direttore generale: Guido Angelozzi



Consiglio di amministrazione: Stefano Chisoli, Giancarlo Coari, Andrea Corradino, Francesco Cuttica, Pier Luca Delucchi, Nicola De Mastri, Arnaldo Faita, Jacopo Maria Ferri, Cristiano Ghirlanda, Stefano Mei, Luigi Micheli, Aldo Sammartano, Roberto Zangani



Società di revisione: Baker Tilly Revisa



Segretario generale: Pietro Doronzo



Segreteria: Carmine Anzivino



Progetto etico e supporter liaison officer: Luca Maggiani



Responsabile amministrativo, finanza e controllo: Nicolò Peri



Segreteria amministrativa: Elisabetta Anzuini



Responsabile commerciale e marketing: Lorenzo Ferretti



Responsabile comunicazione e ufficio stampa: Leonar Pinto



Ufficio stampa: Gianluca Parenti



Web engineer: Christian Faillace



Allenatore: Pasquale Marino è nato a Marsala il 13 luglio 1962. Una carriera da centrocampista alle spalle con le maglie di Marsala, Akragas, Siracusa, Battipagliese, Potenza, Messina e Catania, dove conclude la carriera di calciatore nella stagione 1996/97. Marino inizia ad allenare il Milazzo nel Campionato Nazionale Dilettanti. Il primo anno ottiene un 2° posto e nel secondo si piazza al 9° posto. Nella stagione 1999/00 passa al Ragusa (C.N.D.) e conquista il 6° posto. L'anno dopo si trasferisce al Paternò, dove in due anni ottiene due promozioni consecutive dalla serie D alla C1. Nel 2002/03 passa al Foggia e conquista nuovamente la promozione in serie C1. Nel campionato 2003/04, sempre con il Foggia, chiude la stagione al 9° posto. Nel 2004/05 viene ingaggiato dall'Arezzo in serie B. La società toscana lo esonera ma poi lo richiama e conclude l'annata al 13° posto. L'anno successivo è al Catania, dove conquista subito la promozione in serie A. Rimane alla guida dei siciliani raggiungendo la salvezza. Nella stagione successiva approda all'Udinese. Dopo essere arrivato 7° nel campionato 2007/08, riporta la squadra friulana in Europa nella competizione di Coppa Uefa. L'anno dopo si ripete conducendo la squadra al 7° posto. Viene confermato sulla panchina bianconera ma il 22 dicembre 2009 viene esonerato. Dopo appena due mesi viene richiamato alla guida della squadra friulana, chiudendo la stagione al 15° posto. Il 2 giugno 2010 firma un contratto annuale con il Parma e a sette giornate della fine viene esonerato e sostituito da Colomba. Ritorna in panchina il 22 dicembre 2011, quando viene chiamato dal Genoa ma la sua avventura in Liguria dura 14 partite. Il 7 giugno 2013 diventa il nuovo allenatore del Pescara in serie B. Viene esonerato il 22 febbraio 2014. L'anno dopo sostituisce Giovanni Lopez sulla panchina del Vicenza. Con i biancorossi chiude il campionato al 3° posto ma perde la semifinale play off contro il Pescara. Dopo pochi gioni annuncia l'addio al club berico ma il 25 giugno trova l'accordo per restare con i biancorossi. Dopo 31 gare di campionato viene esonerato. Quindi diventa il nuovo tecnico del Frosinone. Chiude la stagione al 3° posto ma ai playoff perde la semifinale contro il Carpi. Il 12 ottobre 2017 viene chiamato sulla panchina del Brescia al posto dell'esonerato Roberto Boscaglia ma dopo 13 partite viene esonerato. Il 20 giugno 2018 è il nuovo allenatore dello Spezia



Allenatore in seconda: Massimo Mezzini



Collaboratore tecnico: Antonio Di Natale



Preparatore atletico: Mauro Franzetti



Preparatore atletico e recupero infortunati: Simone Lorieri



Preparatore dei portieri: Catello Senatore



Match analyst: Marco Ceccomori



Team manager: Nazario Pignotti



Responsabile sanitario: dott. Costantino Cipolloni



Medico sociale: dott. Giampaolo Poletti



Fisioterapisti: Giacomo Babboni, Simana Bertano, Andrea Fregoso



Responsabile settore giovanile: Roberto Alberti



Responsabile organizzativo: Nicola Padoin



Responsabile attività di base: Paolo Rovani



Dipartimento psicologico: Victoria Pachova



Allenatori "Primavera": Alessandro Pierini



Campo di gioco: lo stadio Alberto Picco dal 1919 ospita le partite interne dello Spezia Calcio. L'mpianto è intitolato ad Alberto Picco, alpino scomparso eroicamente nel corso della Prima guerra mondiale e primo marcatore in senso assoluto del club ligure. Il Picco venne inaugurato il 7 dicembre 1919. La capienza ufficiale è di 10.336 posti



Colori sociali: 1^ divisa maglia bianca, calzoncini e calzettoni neri, 2^ divisa maglia nera, calzoncini e calzettoni bianchi



Sponsor: Carispezia



Sponsor tecnico: Acerbis



L'ex di di turno: Andrej Galabinov, bulgaro di nascita, ma italiano di adozione, arriva in italia nel 2006 e a soli 18 anni fa il suo esordio in serie D con il Castellarano. Il 1° febbraio 2011 passa al Livorno. Fa il suo esordio in serie B con la maglia amaranto il 7 febbraio 2011: Livorno-Vicenza 0-1. A fine stagione colleziona soltanto 3 presenze (132' minuti giocati). Quindi la società amaranto prima lo presta al Sorrento, poi al Bassano, quindi al Gubbio, infine all'Avellino. Nella stagione 2014/15 ritorna al Livorno in serie B. Disputa l'intero campionato mettendo a segno 6 gol (più due assist) in 29 incontri (1.497' minuti giocati). Gioca anche una gara di Coppa Italia: Livorno-Bassano 2-4. Il 12 agosto 2015 viene ingaggiato dal Novara (serie B)



Palmares: 1 Campionato Alta Italia (1944, titolo onorifico), 2 Coppa Italia Lega Pro (2004/05, 2011/12), 2 Supercoppa di Lega Prima Divisione (2006, 2012)



Classifica: 5° posto con 9 punti



Cannoniere: Nicholas Pierini, classe 1998, ruolo attaccante con 2 reti



Spezia fuori casa: 3 sconfitte (1-0 Venezia, 2-0 Cremonese, Verona 2-1). Reti fatte 1, subite 5



Precedenti a Livorno in campionato: partite giocate 22 (1 in PD, 8 in B, 4 in C1, 1 in C2, 8 in C); vittorie Livorno 10 (ultima stagione 1988-89, 1-0), pareggi 6 (ultimo stagione 2000-01, 0-0), vittorie Spezia 6 (stagione 2015-16, 1-2)



Precedenti a Spezia in campionato: partite giocate 22 (1 in PD, 8 in B, 4 in C1, 1 in C2, 8 in C); vittorie Spezia 10 (ultima stagione 2015-16, 3-0), pareggi 8 (ultimo stagione 2001-02, 0-0), vittorie Livorno 4 (stagione 2012-13, 1-2)



Diffidati: nessuno



Indisponibili: Erlic, Galabinov, Pierini, Mastinu



Squalificati: nessuno



Probabile formazione (4-3-3): Manfredini, De Col, Terzi, Giani, Augello, Ricci, Bartolomei, Crimi, Okereke, Gyasi, Galabinov.



Prima squadra



Portieri: Barone 1999, Bassi 1985, Desjardins 2000, Lamanna 1989, Manfredini 1988.



Difensori: Augello 1994, Bachini 1995, Capradossi 1996, Crivello 1991, De Col 1993, Erlic 1998, Giani 1986, Terzi 1984.



Centrocampisti: Acampora 1994, Bartolomei 1989, Bastoni 1996, Bolzoni 1989, De Francesco 1994, Figoli 2000, Maggiore 1998, Mora 1988, Ricci 1994, Vignali 1996.



Attaccanti: Bidauoi 1990, Galabinov 1988, Gyasi 18994, Gudjohnsen 1998, Mastinu 1991, Morachioli 2000, Okereke 1997, Pierini 1998, Suleiman 1998.



Movimenti di mercato



Arrivi: Lamanna 1989 portiere dal Genoa (definitivo), Crivello 1991 difensore dal Frosinone (definitivo), Pierini 1998 attaccante dal Sassuolo (prestito), Ricci 1994 centrocampista dalla Salernitana (definitivo), Galabinov 1988 attaccante dal Genoa (definitivo), Gyasi 1994 attaccante dal Sudtirol (fine prestito), Capradossi 1996 difensore dalla Roma (prestito), Bartolomei 1989 centrocampista dal Cittadella (definitivo), Bastoni 1996 centrocampista dal Trapani (fine prestito), Okereke 1997 attaccante dal Cosenza (fine prestito), Vignali 1996 centrocampista dalla Reggiana (fine prestito), Bidauoi 1990 attaccante dall'Avellino (definitivo), Erlic 1998 difensore dal Sudtirol (prestito Sassuolo), Acampora 1994 centrocampista dalla Virtus Entella (fine prestito), Barone 1999 portiere dal Benevento Primavera (fine prestito), Bachini 1995 difensore dalla Juve Stabia.



Partenze: Bolzoni 1989 difensore al Bari (definitivo), Di Gennaro 1993 portiere all'Inter (fine prestito), Corbo 2000 difensore al Bologna Primavera (definitivo), Lopez 1985 difensore alla Ternana (definitivo), Ceccaroni 1995 difensore al Padova (prestito), Capelli 1986 difensore al Padova (definitivo), Masi 1992 difensore al Pisa (definitivo), Pessina 1997 centrocampista all'Atalanta (fine prestito), Awua 1998 centrocampista al Rende (prestito), Juande 1986 centrocampista al Perth Glory-Australia (definitivo), Forte 1993 attaccante al Waasland/Beveren-Belgio (definitivo), Granoche 1983 attaccante alla Triestina (definitivo), Mulattieri 2000 attaccante all'Inter Primavera (definitivo).



Precedenti con lo Spezia in campionato dalla stagione 1921-22



1921-22 1.a Div. Nord/A 02/10/1921 Spe.-Liv. 1-0 (20' Gallotti) Crivelli di MIlano / 18/12/1921 Liv.-Spe. 0-0 Maiani di Torino



1931-32 serie B 11/10/1931 Liv.-Spe. 1-0 (56' Miniati) Lenti di Genova / 28/02/1932 Spe.-Liv. 2-0 (7' Cappelli, 44' Andrei) Scorzoni di Bologna



1932-33 serie B 02/10/1932 Liv.-Spe. 2-1 (39' Miniati L, 44' Dossena L, 47' Andrei S) Benvignati di Roma / 05/03/1933 Spe.-Liv. 1-1 (19' Bonivento S, 34' Mian L) Carraro di Padova



1936-37 serie B 20/12/1936 Liv.-Spe. 4-1 (4' Montanari L, 44' Arcari IV L, 63' Calzolai S, 77' Arcari IV L, 81' Costanzo L) Pasinati di Verona / 18/04/1937 Spe.-Liv. 0-0 Carminati di Milano



1949-50 serie B 09/10/1949 Spe.-Liv. 2-0 (36' Pozzo rig., 89' Malavasi) Orlandini di Roma / 26/02/1950 Liv.-Spe. 2-1 (1' Ghezzani L, 26' Bartolini L, 36' Malavasi S) Canavesio di Torino



1950-51 serie B 28/01/1951 Spe.-Liv. 3-2 (18' Fiumi S, 19' Candiani L, 20' Petersen L, 51' Nevano S, 54' Reddi S) Righi di Milano / 24/06/1951 Liv.-Spe. 1-0 (63' Ghezzani) Valsecchi di Milano



1958-59 serie C 30/11/1958 Spe.-Liv. 0-1 (44' Bartolini) Cerruti di Legnano / 19/04/1959 Liv.-Spe. 1-3 (48' De Petrillo aut. S, 82' Castellazzi S, 86' Corelli S, 89' Mungai rig.) Ubezio di Novara



1961-62 serie C 17/12/1961 Spe.-Liv. 0-0 Palazzo di Palermo / 29/04/1962 Liv.-Spe. 2-2 (39' Mantovani, 48' Varljen) Zanchi di Mestre



1972-73 serie C 19/11/1972 Liv.-Spe. 1-1 (8' Ulivieri) Artico di Padova / 15/04/1973 Spe.-Liv. 0-0 Tempio di Catania



1973-74 serie C 13/01/1974 Liv.-Spe. 0-0 Fruschi di Pescara / 02/06/1974 Spe.-Liv. 2-0 Tonolini di Milano



1974-75 serie C 15/09/1974 Liv.-Spe. 3-0 (31' Graziani rig., 65' Martin, 76' Graziani rig.) Celli di Trieste / 02/02/1975 Spe.-Liv. 1-1 (39' Zanoli) Milan di Treviso



1975-76 serie C 18/01/1976 Spe.-Liv. 0-1 (84' Bilardi) Lanzafame di Taranto / 30/05/1976 Liv.-Spe. 2-1 (16' Mondello, 65' Graziani) D'Elia di Salerno



1976-77 serie C 07/11/1976 Liv.-Spe. 0-0 Andreoli di Padova / 27/03/1977 Spe.-Liv. 3-1 (90' Vitulano) Savalli di Trapani



1977-78 serie C 30/10/1977 Spe.-Liv. 0-0 Lainese di Messina / 19/03/1978 Liv.-Spe. 1-0 (46' Quaresima) Lanzetti di Viterbo



1983-84 serie C2 11/12/1983 Spe.-Liv. 1-2 (44' Ilari, 51' Pontis) Vecchiatini di Bologna / 06/05/1984 Liv.-Spe. 1-0 (85' De Poli rig.)



1987-88 serie C1 08/11/1987 Liv.-Spe. 0-1 Stafoggia di Pesaro / 20/03/1988 Spe.-Liv. 1-0



1988-89 serie C1 02/10/1988 P.Liv.-Spe. 1-0 (45' Ceccaroni aut.) Arena di Ercolano / 12/02/1989 Spe.-P.Liv. 0-0 De Angelis di Civitavecchia



2000-01 serie C1 22/10/2000 Spe.-Liv. 3-0 Belloli di Bergamo / 04/03/2001 Liv.-Spe. 0-0 Cannella di Palermo



2001-02 serie C1 25/11/2001 Spe.-Liv. 0-0 Brighi di Cesena / 07/04/2002 Liv.-Spe. 0-1 Bergonzi di Genova



2012-13 serie B 08/10/2012 Liv.-Spe. 1-5 (13' Di Gennaro rig. S, 41' Bovo S, 46' Sansovini S, 55' Antenucci S, 85' Antenucci S, 89' Paulinho rig.) Ciampi di Roma / 02/03/2013 Spe.-Liv. 1-2 (3' Belingheri L, 49' Belingheri L, 61' Benedetti S) Di Bello di Brindisi



2014-15 serie B 25/10/2014 Liv.-Spe. 0-1 (46' Catellani) Gavillucci di Latina / 13/03/2015 Spe.-Liv. 3-0 (51' Giannetti, 54' Catellani, 64' Situm) Maresca di Napoli



2015-16 serie B 26/09/2015 Liv.-Spe. 1-2 (43' Situm S, 72' Pasquato L, 86' Calaiò S) Di Paolo di Avezzano / 14/02/2016 Spe.-Liv. 3-0 (14' Calaiò, 22' Calaiò, 59' Situm)



Partite disputate: 44. Vittorie Livorno 14, pareggi 14, vittorie Spezia 16. Reti fatte Livorno 35, subite 47.



A Livorno: 22. Vittorie Livorno 10, pareggi 6, vittorie Spezia 6. Reti fatte Livorno 24, subite 20.



A Spezia: 22. Vittorie Spezia 10, pareggi 8, vittorie Livorno 4. Reti fatte Spezia 27, subite 11.



Marcatori del Livorno: 3 reti Graziani; 2 reti Miniati, Arcari IV, Ghezzani, Bartolini, Belingheri; 1 rete Dossena, Mian, Montanari, Costanzo, Candiani, Petersen, Mungai, Mantovani, Varljen, Ulivieri, Martin, Zanoli, Bilardi, Mondello, Vitulano, Quaresima, Ilari, Pontis, De Poli, Paulinho, Pasquato. Più un'autorete: Ceccaroni.



Coppa Italia



1972-73 serie C (ottavi di finale) 01/11/1972 Spe.-Liv. 2-0 Governa di Alessandria (andata) / 04/03/1973 Liv.-Spe. 1-1 (58' Cencetti) Celli di Trieste (ritorno) Livorno eliminato



1976-77 serie C (fase eliminatoria-7° girone) 29/08/1976 Spe.-Liv. 1-0 Graziani di Vicenza (3.a giornata) / 08/09/1976 Liv.-Spe. 0-0 Migliore di Salerno (6.a giornata) Livorno passa ai sedicesimi di finale



1986-87 serie C (sedicesimi di finale) 06/01/1976 Spe.-Liv. 1-1 (44' Merendi aut.) Trentalange di Torino (andata) / 21/01/1987 Liv.-Spe. 2-1 (79' I. Protti, 87' Brandolini) Boggi di Salerno (ritorno) Livorno passa agli ottavi di finale



1987-88 serie C (sedicesimi di finale) 16/12/1987 Spe.-Liv. 2-2 (64' Mucciarelli, 82' I. Protti) Benazzoli di Bassano del Grappa (andata) / 06/01/1988 Liv.-Spe. 2-0 (30' I. Protti, 59' Brandolini) Zebellin di Bassano del Grappa (ritorno) Livorno passa agli ottavi di finale



1990-91 serie C (girone F, 3.a giornata) 26/08/1990 Spe.-Liv. 2-1 (6' Tintisona) Branzoni di Pavia (Livorno eliminato)




commenta
Di tutto...di pių..il Venezia degli ex Domizzi e Schiavone
giovedė 27 settembre 2018 - 22:48
 


Venezia Football Club s.r.l. (1907)



Il Venezia Football Club fu fondato il 14 dicembre 1907. Negli anni tra le due guerre il Venezia partecipa in varie occasioni al campionato di Prima Divisione. Il Venezia conquista la serie A nella stagione 1938/39 e partecipa a sei campionati consecutivi nella massima serie. Nel 1940/41 conquista la Coppa Italia. Nel gennaio del 1987 diventa presidente del sodalizio neroverde Maurizio Zamparini (attuale presidente dal Palermo). Proprio in quell'anno avviene la fusione tra il Venezia e il Mestre, assumendo temporaneamente la denominazione VeneziaMestre. Dopo due stagioni torna a chiamarsi "A.C. Venezia 1907". Nonostante tre stagioni in serie A tra 1998 ed il 2002 ed il successivo abbandono di Zamparini, il Venezia fallisce nel 2005. Risorto dalle proprie ceneri con il nome "S.S. Calcio Venezia", fallisce nuovamente nel 2009. Il 21 luglio 2015 la società viene iscritta al campionato di Terza Categoria Venezia. Il 6 ottobre la carica di presidente passa a Joseph Tacopina e in due anni passa dalla serie D alla serie B.



Presidente: Joseph Tacopina, avvocato newyorchese di origine italiana, nel 2008 tentò di acquisire il Bologna, senza riuscirvi. Tre anni dopo sbarcò a Roma nella cordata di Thomas Di Benedetto. E' rimasto nella società giallorossa per tre stagioni. Ma il sogno di Tacopina era quello di diventare il presidente di una squadra italiana. Il sogno si realizzò con l'acquisizione del Bologna nel novembre 2014. Dopo un anno lascia la società emiliana e acquista il Venezia in serie D. Nel giro di due anni raggiunge la serie B.



Consiglieri di amministrazione: James Daniels, John Goldman, John Tapinis, Alessandro Vasta Ceo: Andrea Rogg



Direttore generale: Dante Scibilia



Direttore sportivo: Valentino Angeloni



Segretario generale: Davide Brandolin



Direttore comunicazione e Pr: Veronica Bon



Marketing key account: Anna Zuliani



Responsabile progetti internazionali: Paolo Poggi



Head of sponsorship: Enrico Peruzzo



Sales Account: Maurizio Scattolin



Junior sales account: Davide Trucco



Bussines analyst: Michael Magris



Amministrazione e contabilità: Francesca Galletti, Silvia Guerra



Responsabile sicurezza: Franco Pasqualato



Responsabile impianti: Andrei Lefter



Social media: Paolo Giovannini



Allenatore: Stefano Vecchi, classe 1971, ruolo mediano, inizia a giocare nel Ponte S. Pietro. All'età di 15 anni arriva alle giovanili dell'Inter. Nel 1990 passa in compropietà all'Oltrepò. Viene riscattato dai nerazzurri, quindi viene ceduto in prestito prima alla Spezia, poi all'Arezzo. nel 1993 viene ceduto al Fiorenzuola, neopromosso in serie C1. Con i piacentini rimane per quattro stagioni. nel 1997 si trasferisce al Brescello e nel 1999 passa alla Spal, in serie C1. Rimane a Ferrara per quattro stagioni, le ultime due da capitano. La squadra estense parte con otto punti di penalizzazione ma non riesce ad evitare la retrocessione dopo la sconfitta nei playout contro il Pavia. In estate per la Spal arriva il secondo fallimento in pochi anni. Le ultime due squadre in cui ha militato sono Pavia e Pergocrema (2004/05). Inizia la carriera di allenatore, nella stagione 2005/06 sulla panchina del Mapelo (Promozione). Con la squadra bergamasca a sorpresa vince il campionato, ottenendo la promozione in Eccellenza. Al termine del campionato le strade tra la società gialloblu e il mister si separono. Infatti passa sulla panchina della Colognese. L'avventura di Vecchi sulle sponde del Serio dura tre stagioni. Il primo campionato si conclude con un 10° posto. Il secondo campionato si conclude al 5° posto ma viene eliminato in semifinale dal Tritium. Il terzo campionato si conclude al 3° posto ma l'amarezza è maggiore dopo la sconfitta in finale contro il Renate. Quindi dopo tre anni Vecchi lascia la Colognese e si prepara ad una nuova esperienza: la Trituim in serie D. Il primo anno stravince il campionato, distanziando di 25 punti la seconda classificata: l'Alzano. L'annata 2010/11, in Seconda Divisione, finisce con un altro trionfo: la Tritium ottiene la promozione di Prima Divisione. Con la squadra milanese vince anche la Supercoppa di Lega di Seconda Divisione. Dopo due anni Vecchi lascia la Tritium. Nella stagione 2011/12 passa alla Spal, in serie C1. La squadra estense parte con otto punti di penalizzazione ma non riesce ad evitare la retrocessione dopo la sconfitta nei playout contro il Pavia. In estate per la Spal arriva il secondo fallimento in pochi anni. Quindi l'allenatore bergamasco cambia nuovamente panchina, approdando al Sudtirol Alto Adige. Gli altoatesini concludono il campionato al 4° posto ma vengono eliminati nei playoff dal Carpi. Nel frattempo il Carpi sale in serie B ed è proprio Vecchi ad essere chiamato alla guida degli emiliani. La prima stagione nel campionato cadetto non è particolarmente positiva. Infatti dopo 29 giornate viene sollevato dall'incarico per la prima volta. Viene sostituito dell'ex allenatore del Livorno Giuseppe Pillon. Dalla stagione 2014/15 diventa il nuovo allenatore della Primavera dell'Inter. Nella prima stagione, viene eliminata ai quarti di finale dalla Lazio ma la squadra nerazzura vince il Torneo di Viareggio contro il Verona. Nella stagione successiva viene eliminata in semifinale ai rigori dalla Roma. L'Inter, però, vince la Coppa Italia Primavera, battendo nella doppia finale la Juventus. Lo scudetto per i nerazzurri arriva alla terza stagione, in un'annata particolare perchè per ben due volte viene chiamato a guidare la prima squadra. Nonostante questa situazione, Vecchi non perde la concentrazione e in finale batte la Fiorentina per 2-1. Inoltre vince anche la Supercoppa. Nel campionato successivo è ancora l'Inter ha laurearsi campione d'Italia, per la seconda stagione consecutiva. Il 14 giugno 2018 diventa il nuovo tecnico del Venezia. Nelle numerose stagioni da allenatore non ha mai utilizzato un modulo fisso. Nelle annate precedenti ha giocato con il 4-4-2 elastico (che si trasforma in 4-4-1-1 in fase di non possesso e in 4-2-4 in fase offensiva. A volte si è affidato al modulo 4-3-3 che molto spesso mutava in 4-2-3-1 grazie alle scalate delle mezzali



Allenatore in seconda: Aldo Monza



Collaboratore tecnico: Giuseppe Cardone



Preparatore atletico: Fabio Trentin



Collaboratore preparatore atletico: Andrea Sprezzola



Preparatore dei portieri: Massimo Lotti



Team manager: Alessandro Servi



Responsabile sanitario: dott. Flavio Muci



Medico sociale: dott. Filippo Vittadini



Fisioterapisti: Claudio Pavanello, Riccardo Cardani



Recupero infortunati: Antonio Le Pera



Match analyst: Alessio Chiarin



Dirigente accompagnatore: Edoardo Rivola



Responsabile settore giovanile: Mattia Collauto



Segretario: Luca Lazzaro



Tutor: Cesare Conti



Scouting: Fabiano Speggiorin



Allenatore Primavera: Nicola Maragon



Campo di gioco: il vecchio stadio di Sant'Elena a Venezia nasce nel 1913. L'inaugurazione ufficiale avvenne l'8 maggio 1927. Nel 1928 viene intitolato a Pierluigi Penzo, aviatore veneziano che perse la vita durante un'operazione di salvataggio. A seguito degli ultimi interventi di ristrutturazione effettuati tra il 2017 e il 2018 gli spalti possono accogliere 7.426 posti a sedere



Colori sociali: 1^ divisa maglia nera, calzoncini e calzettoni neri, 2^ divisa maglia bianca, calzoncini e calzettoni bianchi



Sponsor tecnico: Nike



Palmares: 1 Coppa Italia (1940/41), 1 Scudetto serie D (2011/12), 1 Coppa Italia serie C (2016/17)



Gli ex amaranto: Il centrale difensivo, Maurizio Domizzi, classe 1980, ha compiuto 38 anni il giugno scorso. La carriera di Domizzi è cominciata con il Casalotti. Quindi viene acquistato dalla Lazio, che lo inserisce nel settore giovanile. Nel 1998, esordisce tra i professionisti, in serie C1 con la maglia del Livorno. Debutta l'8 novembre 1998 in Carrarese-Livorno 1-1. In due campionati in Toscana raccoglie 23 presenze in serie C1 e un gol (contro la Cremonese, il 14 maggio 2000). Dopo due stagioni in prestito alla squadra amaranto, il difensore torna ai biancocelesti. Andrea Schiavone, classe 1993, di Torino, muove i primi passi nel settore giovanile della Juventus. La società bianconera lo cede in prestito prima al Siena poi al Modena. Il 17 luglio 2015 passa in prestito al Livorno in serie B. Debutta con la maglia amaranto il 6 settembre 2015: Livorno-Pescara 4-0. Con la squadra amaranto ha disputato 35 partite di campionato (2.986' minuti giocati), tre assist e due gare in Coppa Italia (240' minuti giocati). Alla fine della stagione dopo la retrocessione del Livorno in Lega Pro, lascia definitivamente la Juventus, per trasferirsi a titolo definitivo al Cesena.



Precedenti a Livorno in campionato: partite disputate 18 (4 in serie A, 10 in B, 3 in C e 1 in C1); vittorie Livorno 10 (ultima stagione 2002-03, 2-1), pareggi 5 (ultimo stagione 2003-04, 0-0), vittorie Venezia 3 (stagione 1989-90, 0-1)



Precedenti a Venezia in campionato: partite disputate 18 (4 in serie A, 10 in B, 3 in C, 1 in C1); vittorie Venezia 8 (ultima stagione 2003-04, 3-2), pareggi 8 (ultimo stagione 2002-03, 1-1), vittorie Livorno 2 (ultima stagione 1942-43, 0-1)



Classifica: 16° posto con 3 punti



Capocannonieri: Alexandre Geijo, Nicola Citro, Simone Bentivoglio con 1 rete



Venezia in casa: 1 vittoria (1-0 Spezia), 1 sconfitta (2-3 Benevento). Reti fatte Venezia 3, subite 3



Diffidati: nessuno



Indisponibili: Fabiano, Litteri, Schiavone, St Clair



Squalificati: nessuno



Probabile formazione (3-5-2): Lezzerini, Modolo, Andelkovic, Domizzi, Bruscagin, Bentivoglio, Falzerano, Pinato, Garofalo, Geijo, Di Mariano.



Prima squadra



Portieri: Enzo 2000, Facchin 1987, Lezzerini 1995, Vicario 1996.



Difensori: Andelkovic 1986, Bruscagin 1989, Cavalli 2000, Cernuto 1992, Coppalaro 1997, Domizzi 1980, Garofalo 1984, Migliorelli 1998, Modolo 1989, Pinato 1995, Soldati 2000, Zampano 1993.



Centrocampisti: Bentivoglio 1985, Cataldi 2001, Falzerano 1991, Schiavone 1993, Segre 1997, Suciu 1990, Zennaro 2000.



Attaccanti: Citro 1989, Di Mariano 1996, Fabiano 1984, Geijo 1982, Litteri 1988, Marsura 1994, Rossi 2000, St Clair 1998, Vrioni 1998, Zigoni 1991.



Movimenti di mercato



Arrivi: Coppolaro 1997 difensore dal Brescia (prestito/Udinese), Facchin 1987 portiere dalla Reggiana (fine prestito), Segre 1997 centrocampista dal Piacenza (prestito/Torino), St Clair 1998 attaccante dal Chelsea-Inghilterra (definitivo), Vrioni 1998 attaccante dalla Pistoiese (prestito/Sampdoria), Migliorelli 1998 difensore dall'Atalanta Primavera (prestito), Di Mariano 1996 attaccante dal Novara (definitivo), Lezzerini 1995 portiere dall'Avellino (definitivo), Schiavone 1993 centrocampista dal Cesena (definitivo), Citro 1989 attaccante dal Frosinone (prestito).



Partenze: Audero 1997 portiere alla Sampdoria (prestito/Juventus), Gori 1980 portiere al Benevento (definitivo), Firenze 1993 centrocampista al Crotone (fine prestito), Frey 1984 difensore al ChievoVerona (fine prestito), Stulac 1994 centrocampista al Parma (definitivo), Russo 1987 portiere alla Casertana (definitivo), Del Grosso 1983 difensore al Pescara (definitivo).



Precedenti in campionato con il Livorno dalla stagione 1931-32 



1931-32 serie B 24/01/1932 Ser.-Liv. 2-2 (27' Gorini V, 69' Corsetti L, 79' Carrera V, 84' Martini L) Barlassina di Novara / 12/06/1932 Liv.-Ser. 1-1 (5' Borin V, 75' Silvestri L) Corradini di Bologna



1932-33 serie B 09/10/1932 Ser.-Liv. 1-2 (38' Celant V, 73' Dossena L, 82' Algotti L) Mattea di Torino / 12/03/1933 Liv.-Ser. 4-1 (2' Bonivento L, 23' Gorini V, 50' Miniati L, 51' Dossena L, 85' Nekadoma L) Piccoli di Bologna



1936-37 serie B 27/12/1936 Ven.-Liv. 1-1 (18' Kossovel V, 54' Arcari IV rig. L) Dattilo di Roma / 02/05/1937 Liv.-Ven. 3-1 (4' Uslenghi L, 23' Patuzzi V, 58' Montanari L, 90' Angelini L) Candela di Genova



1940-41 serie A 13/10/1940 Liv.-Ven. 3-1 (52' Cattaneo L, 62' Diotalevi V, 71' Viani II L, 79' Zidarich I L) Moretti di Genova / 02/02/1941 Ven.-Liv. 2-2 (11' Alberti V, 15' Loik V, 28' Tori L, 45' Viani II) Carpani di Milano



1941-42 serie A 02/11/1941 Liv.-Ven. 1-1 (28' Viani II L, 72' Loik V) Dattilo di Roma / 22/02/1942 Ven.-Liv. 2-1 (40' Piana L, 58' Loik V, 72' Loik V) Ciamberlini di Genova



1942-43 serie A 04/10/1942 Liv.-Ven. 2-1 (40' Pernigo V, 50' Piana L, 80' Degano L) Biancone di Roma / 17/01/1943 Ven.-Liv. 0-1 (61' Stua) Zelocchi di Modena



1946-47 serie A 29/12/1946 Liv.-Ven. 0-0 Gamba di Napoli / 01/06/1947 Ven.-Liv. 1-0 (44' Tortora rig.) Boffardi di Genova



1950-51 serie B 31/12/1950 Liv.-Ven. 2-0 (71' Benini, 86' Bartolini) Buratti di MIlano / 27/05/1951 Ven.-Liv. 2-2 (34' Ghezzani L, 56' Broccini V, 87' Balestra L, 90' Nordio V) Buratti di Milano



1951-52 serie B 18/11/1951 Ven.-Liv. 1-1 (41' Rizzato L, 43' Vergazzola V) Savio di Torino / 13/04/1952 Liv.-Ven. 2-0 (50' Rizzato, 57' Ghezzani) Fortina di Novara



1952-53 serie C 19/10/1952 Ven.-Liv. 1-0 (8' Ampollini) Liverani di Torino / 01/03/1953 Liv.-Ven. 0-1 (32' Nordio) Coppa di Mariano Comense



1953-54 serie C 13/09/1952 Ven.-Liv. 3-2 (8' Colosio V, 13' Scroccaro V, 14' Taccola III L, 43' Taccola III L, 80' Colosio V) Griggi di Brescia / 31/01/1954 Liv.-Ven. 2-1 (15' Petersen L, 32' Bizzarri V, 90' Cappa L) Smorto di Reggio Calabria



1954-55 serie C 10/10/1954 Ven.-Liv. 1-1 (6' Bronzoni L, 19' Danieli V) Mori di Cremona / 27/02/1955 Liv.-Ven. 0-0 Ferrari di Milano



1964-65 serie B 20/12/1964 Ven.-Liv. 1-0 (48' Colautti aut.) Orlando di Bergamo / 16/05/1965 Liv.-Ven. 1-0 (50' Mainardi) Monti di Ancona



1965-66 serie B 03/10/1965 Liv.-Ven. 0-1 (69' Bertogna) Torelli di MIlano / 06/03/1966 Ven.-Liv. 0-0 Canova di Bologna



1967-68 serie B 17/12/1967 Ven.-Liv. 1-0 (74' Spagni) Lo Bello di Siracusa / 12/05/1968 Liv.-Ven. 1-0 (12' Nardoni) Vacchini di Milano



1989-90 serie C1/A 23/10/1988 Ven. M.-P. Liv. 1-0 (92' Marchetti) De Angelis di Civitavecchia / 12/03/1989 P. Liv.-Ven. M. 0-1 (32' Solimeno) Arena di Ercolano



2002-03 serie B 26/10/2002 Liv.-Ven. 2-1 (23' Fanucci L, 40' I. Protti L, 93' Rossi V) Morganti di Ascoli Piceno / 30/03/2003 Ven.-Liv. 1-1 (12' Firmani V, 23' Danilevicius L) Cannella di Palermo



2003-04 serie B 23/11/2003 Liv.-Ven. 0-0 Castellani di Verona / 24/04/2004 Ven.-Liv. 3-2 (8' Giubilato V, 26' Biancolino V, 48' Anderson V, 52' C. Lucarelli L, 84' Danilevicius L) Morganti di Ascoli Piceno



Partite disputate: 36. Vittorie Livorno 12, pareggi 13, vittorie Venezia 11. Reti fatte Livorno 42, subite 35.



A Livorno: 18. Vittorie Livorno 10, pareggi 5, vittorie Venezia 3. Reti fatte Livorno 24, subite 11.



A Venezia: 18. Vittorie Venezia 8, pareggi 8, vittorie Livorno 2. Reti fatte Venezia 24, subite 18.



Marcatori del Livorno: 3 reti Viani II; 2 reti Dossena, Piana, Rizzato, Ghezzani, Taccola III, Danilevicius; 1 rete Corsetti, Martini, Silvestri, Algotti, Bonivento, Miniati, Nekadoma, Arcari IV, Uslenghi, Montanari, Angelini, Cattaneo, Zidarich I, Tori, Degano, Stua, Benini, Bartolini, Balestra, Petersen, Cappa, Bronzoni, Mainardi, Nardoni, Fanucci, I. Protti, C. Lucarelli.




commenta
Conosciamoli meglio: il Lecce
lunedė 24 settembre 2018 - 11:02
 


LECCE UNIONE SPORTIVA s.p.a. (1908)



Fondato il 15 marzo 1908, lo Sporting Club Lecce nel 1927 abbandona le sezioni di atletica leggera e ciclismo concentrandosi esclusivamente sul calcio e acquisendo la denominazione di Unione Sportiva Lecce. La strana maglia bianconera viene sostituita un anno dopo da una divisa giallorossa. Il club in cui si identifica l'intero Salento, ha alle spalle 15 campionati di serie A e 27 di serie B. Nel convulso periodo pre-bellico la squadra disputa campionati di serie B e C. Nel 1966 viene inaugurato il nuovo stadio "Via del Mare" che prende il posto del vecchio "Carlo Pranzo".



Presidente: Saverio Sticchi Damiani nasce a Galatina l'11 maggio del 1975, svolge la professione di avvocato amministrativista specializzato nel settore degli appalti pubblici, docente presso l'Università del Salento. Saverio Sticchi Damiani è diventato il nuovo presidente dell'Unione Sportiva Lecce il 14 dicembre 2017 succedendo a Enrico Tundo, che si era dimesso nell'agosto 2017



Vice-presidenti: Stefano Adamo, Corrado Liguori



Amministratore delegato: Alessandro Adamo



Consiglieri d'amministrazione: Silvia Carofalo, Salvtore De Vitis, Paolo Del Brocco, Alessandro Onorato



Direttore generale: Giuseppe Mercadante



Responsabile area legale: avv. Domenico Zinnari



Direttore sportivo: Mauro Meluso



Team manager: Claudio Vino



Responsabile biglietteria: Angelica De Mitri



Delegato sicurezza: Donato Provenzano



S.L.O.: Giovanni Apollonio



Responsabile marketing: Andrea Micati



Amministrazione: Alessandro Tondi



Fotografo ufficiale: Marco Lezzi



Allenatore: Fabio Liverani è nato a Roma il 29 aprile 1976. Centrocampista dotato di una ottima visione di gioco, entra a far parte delle giovanili della Lodigiani, poi in quelle di Palermo, Napoli e Cagliari. La sua carriera professionistica inizia con la Nocerina nel 1996. Durante il mercato invernale passa alla Viterbese. Dopo quattro campionati approda al Perugia, dove fa il suo esordio in serie A. Nel campionato 2001-02 viene acquistato dalla Lazio. Durante la sua permanenza (cinque anni) vince la Coppa Italia nella stagione 2003-04. Nel 2006 passa alla Fiorentina e nella stagione 2008-09 si trasferisce al Palermo. Nel 2011 passa al Lugano ma la sua esperienza in Svizzera dura poco senza aver collezionato presenze. Nel 2001 Liverani ha esordito con la Nazionale italiana sotto la guida del ct Giovanni Trapattoni. Appesi gli scarpini al chiodo nel novembre del 2011 diventa allenatore degli Allievi Regionali B del Genoa. Ha allenato anche la prima squadra ma è stato esonerato il 29 settembre 2013 e sostituito da Giampiero Gasperini. Nel 2014 viene chiamato alla guida del Leyton Orient, squadra inglese. Dopo la retrocessione della squadra, lascia il club inglese. Il 6 marzo 2017 subentra sulla panchina della Ternana, al posto dell'esonerato Carmine Gautieri. Conduce la squadra alla salvezza ma non viene confermato. Il 17 settembre dell'anno scorso subentra sulla panchina del Lecce, al posto del dimissionario Roberto Rizzo. Il 29 aprile 2018 porta i pugliesi, dopo sei anni in serie B



Allenatore in seconda: Manuel Coppola



Collaboratore tecnico: Federico Fabellini



Preparatore dei portieri: Luigi Sassanelli



Preparatori atletici: Maurizio Cantarelli, Alessandro Bulfoni



Responsabile sanitario: dott. Giuseppe Plaia



Medici sociali: dott. Antonio Tondo, dott. Giuseppe Congedo, dott. Francesco Marti



Massofisioterapista e osteopata: Graziano Fiorita



Massaggiatore: Francesco Soda



Magazzinieri: Giovanni Fasano, Francesco Marchello



Responsabile settore giovanile: Roberto Alberti



Coordinatore: Gennaro Delvecchio



Consigliere delegato: Stefano Adamo



Direttore: Roberto Alberti



Segretario: Donato Provenzano



Responsabile medico/sanitario: dott. Ciro Del Coco



Responsabile area fisico/atletica: Paolo Traficante



Responsabile area riabilitativa: Alberto Panna



Sociologo: Danilo Coronese



Tutor scolastico: Giovanni Apollonio



Magazziniere: Paolo Micelli



Allenatore Berretti: Alessandro Longo



Campo: stadio "Via del Mare", 14.287 posti a sedere



Colori: 1^ divisa maglia giallo-rossa, calzoncini blu e calzettoni rossi



Sponsor: Moby, Caffè Fadi, Maffei



Sponsor tecnico: Legea



Precedenti a Livorno in campionato: partite giocate 7 (2 in serie A, 2 in B, 3 in C); vittorie Livorno 4 (ultima stagione 2005-06, 2-1), vittorie Lecce 2 (stagione 2002-03, 1-2)



Precedenti a Lecce in campionato: partite giocate 7 (2 in serie A, 2 in B, 3 in C); vittorie Lecce 4 (stagione 2004-05, 3-2), pareggi 2 (stagione 2005-06, 0-0); vittorie Livorno 1 (stagione 1931-32, 0-2)



Classifica: 8° posto con 5 punti



Cannonieri: Filippo Falco, classe 1992, ruolo centrocampista e Marco Mancosu, classe 1988, ruolo centrocampista con 2 reti



Lecce fuori casa: 1 pareggio (3-3 Benevento), 1 sconfitta (1-0 Ascoli). Reti fatte Lecce 3, subite 4



Diffidati: nessuno



Indisponibili: Chiricò, Lucioni



Squalificati: nessuno



Probabile formazione (4-3-2-1): Vigorito, Fiamozzi, Meccariello, Lucioni, Calderoni, Arrigoni, Scavone, Petriccione, Falco, Mancosu, Pettinari.



Prima squadra



Portieri: Bleve 1995, Chironi 1997, Vigorito 1990.



Difensori: Bovo 1983, Calderoni 1989, Cosenza 1986, Fiamozzi 1993, Lepore 1985, Lucioni 1987, Marino 1988, Meccariello 1991, Riccardi 1996.



Centrocampisti: Angelini 2000, Armellino 1989, Arrigoni 1988, Di Matteo 1988, Dubickas 1998, Falco 1992, Haye 1995, Petriccione 1995, Mancosu 1988, Tabanelli 1990, Tsonev 1995.



Attaccanti: Chiricò 1991, Palombi 1996, Pettinari 1992, Saraniti 1988, Torromino 1988.



Movimenti di mercato



Arrivi: Bleve 1995 portiere dalla Ternana (fine prestito), Petriccione 1995 centrocampista dal Bari (definitivo), Chiricò 1991 attaccante dal Cesena (definitivo), Haye 1995 centrocampista dal Willem II-Olanda (definitivo), Palombi 1996 attaccante dalla Salernitana (prestito/Lazio), Pettinari 1992 attaccante dal Pescara (definitivo), Falco 1992 centrocampista dal Pescara (definitivo), Vigorito 1990 portiere dal Frosinone (definitivo), Lucioni 1987 difensore dal Benevento (definitivo), Calderoni 1989 difensore dal Novara (prestito), Fiamozzi 1993 difensore dal Pescara (definitivo), Meccariello 1991 difensore dal Brescia (prestito), Bovo 1983 difensore dal Pescara (definitivo).



Partenze: Perucchini 1991 portiere all'Ascoli (definitivo), Ciancio 1987 difensore al Catania (definitivo), Legittimo 1989 difensore al Cosenza (definitivo), Valeri 1998 difensore al Cesena (definitivo), Costa Ferreira 1991 centrocampista al Trapani (prestito), Selasi 1996 centrocampista al Pescara (fine prestito), Di Piazza 1988 attaccante al Cosenza (definitivo), Caturano 1990 attaccante alla Virtus Entella (prestito), Persano 1996 attaccante all'Arezzo (prestito).



Precedenti in campionato dalla stagione 1931-32



1931-31 serie B 22/11/1931 Lec.-Liv. 0-2 (10' Vignozzi, 11' Corsetti) Sassi di Roma / 17/04/1932 Liv.-Lec. 4-0 (1' Miniati, 20' Corsetti, 31' Miniati, 80' Miniati) Brunelli di Bologna



1952-53 serie C 12/10/1952 Liv.-Lec. 1-0 (87' Rinaldi) Gambarotta di Genova / 22/02/1953 Lec.-Liv. 0-0 Marchese di Napoli



1953-54 serie C 11/10/1953 Liv.-Lec. 1-2 (1' Bozzato LE, 9' Bislenghi LE, 26' Tacolla III L) Fornari di Bologna / 28/02/1954 Lec.-Liv. 3-0 (14' Stabellini, 36' Frigo, 47' Bislengi) Perucci di Verona



1954-55 serie C 09/01/1955 Liv.-Lec. 3-1 (2' Bronzoni L, 61' Frigo LE, 66' Bodini L, 74' Bodini L) Raule di Roma / 22/05/1955 Lec.-Liv. 4-1 (1' Asta LE, 6' Bartolaccini rig. LE, 12' Taccola III L, 55' Fonda LE, 64' Fonda LE) Fornari di Bologna



2002-03 serie B 24/11/2002 Lec.-Liv. 1-0 (51' Vugriner) Rizzoli di Bologna / 26/04/2003 Liv.-Lec. 1-2 (48' Chevanton LE, 52' Giacomazzi LE, 73' Enyinnaia L) Rodomonti di Roma



2004-05 serie A 05/12/2004 Lec.-Liv. 3-2 (30' Vigiani L, 38' Rullo LE, 40' Danilevicius L, 56' Dalla Bona rig. LE, 59' Giacomazzi LE) Morganti di Ascoli Piceno / 24/04/2005 Liv.-Lec. 1-0 (93' C. Lucarelli) Tombolini di Ancona



2005-06 serie A 27/08/2005 Liv.-Lec. 2-1 (12' C. Lucarelli L, 39' Pinardi rig. LE, 48' Palladino L) Rocchi di Firenze / 18/01/2006 Lec.-Liv. 0-0 Rodomonti di Teramo



Partite disputate: 14. Vittorie Livorno 6, pareggi 2, vittorie Lecce 6. Reti fatte Livorno 18, subite 17.



A Livorno: 7. Vittorie Livorno 5, pareggi 0, vittorie Lecce 2. Reti fatte Livorno 13, subite 6.



A Lecce: 7. Vittorie Lecce 4, pareggi 2, vittorie Livorno 1. Reti fatte Lecce 11, subite 5.



Marcatori del Livorno: 3 reti Miniati; 2 reti Corsetti, Bodini, Taccola III, C. Lucarelli; 1 rete Vignozzi, Rinaldi, Bronzoni, Enyinnaia, Vigiani, Danilevicius, Palladino.



Coppa Italia



2004-05 Secondo turno eliminatorio andata 15/09/2004 Livorno-Lecce 2-1 (21' Colombo L, 29' Danilevicius aut. LE, 90' Vigiani L) Preschern di Mestre / ritorno 29/09/2004 Lecce-Livorno 3-1 (27' Ledesma LE, 30' Bojinov LE, 49' Vucinic LE, 51' Danilevicius L) Brighi di Cesena (Livorno eliminato)




commenta
Di tutto...di pių..il Cosenza dell'ex Baez
martedė 18 settembre 2018 - 10:46
 


COSENZA CALCIO s.r.l. (2011)



Le origini del Cosenza Calcio risalgono al 1914. Nella stagione 1988/89 il Cosenza partecipa al primo campionato di serie B. In tutto vanta 20 partecipazioni al campionato cadetto. L'AS Cosenza Football Club nasce nell'estate del 2003, a seguito delle decisioni di COVISOC e FIGC sparisce il Cosenza Calcio 1914. Nel 2015 vince la Coppa Italia di serie C.



Presidente: Eugenio Guarascio



Direttore sportivo: Stefano Trinchera



Segreterio generale: Andrea De Poli



Dirigente responsabile della gestione: Roberta Anania



Responsabile amministrativo: Daniel Inderst



Contabilità: Grazia Costantino



Responsabile marketing e commerciale: Simona Di Carlo



Responsabili comunicazione creativa: Ilenia Caputo, Davide Imbrogno



Fotografo di campo: Denise Cavaliere



Responsabile delle relazioni istituzionali: Carlo Federico



Team manager: Kevin Marulla



Responsabile ufficio stampa: Gianluca Pasqua



Collaboratore ufficio stampa: Francesco La Luna



Fotografo ufficiale: Michele De Marco



Delegato sicurezza: Luca Giordano



S.L.O. (Supporter Liason Officer): Andrea Montanini



Responsabile accessi: Enzo Sirangelo



Responsabile biglietteria: Teodoro Gioia



Responsabile store: Maria Saverino



Allenatore: Piero Braglia, nativo di Grosseto 63 anni, ex Alessandria è il confermato allenatore del Cosenza. Nel suo passato da calciatore come centrocampista di rottura ha vestito le maglie di Montevarchi, Cremonese, Fiorentina, Catanzaro, Triestina, Catania. Chiude la carriera di calciatore in Toscana con la Rondinella. Ha esordito in serie A, con la maglia viola, il 20 marzo 1977 a Catanzaro, in Catanzaro-Fiorentina (0-1). La sua carriera di allenatore è cominciata, nel 1989, in Eccellenza con la Bibbianese. L'anno dopo passa alla Colligiana in serie D dove vince il campionato perdendo poi lo spareggio con l'Avezzano per l'ammissione alla serie C2. Resta ancora una stagione in biancorosso per poi andare ad allenare prima la Rondinella e poi la Sangiovannese. Nel 1994 l'arrivo a Motevarchi in serie C2, portando i valdarnesi in serie C1. Poi ha guidato Pontedera, Carrarese, Sangiovannese, Foggia e Montevarchi. Nel 2001 l'approdo al Chieti dove rimane due anni. Nel 2003 torna a Catanzaro, questa volta nelle vesti di tecnico e vince subito il campionato, ottenendo la sua prima promozione in serie B. Dopo una stagione alla Sangiovannese arriva a Pisa, riportando i neroazzurri in serie B dopo 13 anni di astinenza. Nel 2007 è alla Lucchese poi Frosinone, Taranto e Juve Stabia. Nel primo anno a Castellammare porta subito la squadra in serie B. In gialloblu resta quattro anni incrociando sulla sua strada l'attaccante della Nazionale Simone Zaza. Nel 2014 Braglia ritorna al Pisa ma questa volta l'esperienza si chiude con un esonero. Il 12 ottobre 2015 comincia l'avventura con il Lecce. In Salento è arrivato a stagione in corso (al posto di Asta) portando i giallorossi al 3° posto finale, perdendo la semifinale play off contro il Foggia. L'anno dopo firma un contratto con l'Alessandria in serie C. Dopo un lungo dominio della squadra piemontese, soprattutto nel girone di andata, nel girone di ritorno crollano i risultati e a tre giornate dal termine viene esonerato. Il 27 settembre 2017 passa a guidare il Cosenza al posto dell'esonerato Gaetano Fontana. Dopo un avvio difficile, Braglia conduce la squadra al 5° posto. Ai playoff supera Sicula Leonzio, Casertana, Trapani, Sambenedettese e Sudtirol, approdando alla finalissima contro il Siena che sconfigge 3-1, riportando i silani in serie B dopo 15 anni. Braglia ha basato i suoi successi calcistici con il modulo 3-5-2 anche se il suo modulo preferito è il 3-4-3. Preferisce far giocare le sue squadre con tre difensori e due esterni alti



Collaboratori prima squadra: Roberto Occhiuzzi, Antonio Fischetti



Riabilitatore: Luigi Pincente



Responsabile sanitario: dott. Ippolito Bonfiglio



Medico sociale: dott. Enrico Costabile



Massaggiatori: Francesco Pugliese, Ercole Donato



Massiofisioterapista: Simone Arnone



Magazzinieri: Umberto Vommaro, Destan Mata



Campo di gioco: lo stadio Comunale San Vito "Gigi Marulla" di Cosenza sorge nel rione San Vito. L'inaugurazione ufficiale dello stadio è datato 4 ottobre 1964. Tra la fine degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta, lo stadio ha subito numerose modifiche e ampliamenti. La capienza effettiva è di 19.000 posti a sedere



Colori sociali: 1^ divisa maglia rosso-blu, calzoncini e calzettoni blu



Sponsor: Ecologia oggi, Volkswagen Chiappetta



Sponsor tecnico: Legea



Albo d'oro: 1 Coppa Italia serie C (2014-15)



L'ex amaranto: Jaime Baez attaccante uruguaiano classe 1995. A soli 20 anni arriva la chiamata dall'Europa. A tesserare il giovane attaccante è la Fiorentina. La società viola decide di mandarlo in prestito, nella stagione 2015/16, al Livorno in serie B. Scende in campo in 13 occasioni (689' minuti giocati) e un assist. Al termine del campionato gli amaranto retrocedono in Lega Pro e l'uruguagio ritorna alla Fiorentina



Precedenti a Livorno in campionato: partite disputate 5 (1 in serie B, 4 in C1); vittorie Livorno 3 (ultima stagione 2002-03, 4-2), pareggi 2 (ultimo stagione 1986-87, 0-0), vittorie Cosenza 0



Precedenti a Cosenza in campionato: partite disputate 5 (1 in serie B, 4 in C1); vittorie Cosenza 3 (ultima stagione 1986-87, 1-0), pareggi 1 (stagione 1985-86, 0-0), vittorie Livorno 1 (stagione 2002-03, 0-2)



Classifica: 16° posto con 1 punto



Capocannonieri: Riccardo Maniero e Matteo Di Piazza con 1 rete



Cosenza in casa: 1 sconfitta (0-3 Hellas Verona)



Diffidati: nessuno



Indisponibili: nessuno



Squalificati: nessuno



Probabile formazione (3-5-2): Saracco, Dermaku, Capela, Corsi, D'Orazio, Mungo, Palmiero, Verna, Legittimo, Tutino, Maniero.



Prima squadra



Portieri: Cerofolini 1999, Pellegrino 1998, Perina 1992, Saracco 1994.



Difensori: Anastasio 1996, Bilotta 1999, Capela 1991, Corsi 1989, Dermaku 1992, D'Orazio 1990, Idda 1988, Legittimo 1989, Pascali 1981, Pasqualoni 1997, Tiritiello 1995.



Centrocampisti: Bruccini 1986, Iudicelli 1999, Mungo 1993, Palmiero 1996, Schetino 1994, Trovato 1998, Varone 1992, Verna 1993.



Attaccanti: Azzinari 2001, Baclet 1986, Baez 1995, Bearzotti 1996, Di Piazza 1988, Garritano 1994, Maniero 1987, Perez 1989, Tutino 1996.



Movimenti di mercato



Arrivi: Di Piazza 1988 attaccante dal Lecce (definitivo), Cerofolini 1999 portiere dalla Fiorentina Primavera (prestito), Capela 1991 difensore dal Carpi (definitivo), Bearzotti 1996 attaccantedall'Hellas Verona (prestito), Anastasio 1996 difensore dal Parma (prestito/Napoli), Tiritiello 1995 difensore dalla Fidelis Andria (definitivo), Varone 1992 centrocampista dalla Ternana (definitivo), Baez 1995 attaccante dal Pescara (prestito/Fiorentina), Schetino 1994 dall'Esbjerg-Danimarca (prestito/Fiorentina), Garritano 1994 attaccante dal Carpi (prestito/ChievoVerona), Verna 1993 centrocampista dal Pisa (prestito), Legittimo 1989 difensore dal Lecce (definitivo), Maniero 1987 attaccante dal Novara (prestito), Perina 1992 portiere dalla Sambenedettese (fine prestito), Bilotta 1999 difensore dal Taranto (fine prestito).



Partenze: Collocolo 1999 centrocampista al Francavilla (prestito), Mendicino 1990 attaccante al Monopoli (definitivo), Ruffolo 1999 attaccante dal Francavilla (fine prestito), Zommers 1997 portiere all'Imolese (prestito/Parma), Camigliano 1994 difensore al Cittadella (fine prestito), Ramos 1996 difensore al Trapani (prestito/Parma), Boniotti 1995 difensore al Brescia (fine prestito).



Precedenti con il Livorno in campionato dalla stagione 1980-81



1980-81 serie C1/B 26/10/1980 Liv.-Cos. 4-0 (3' Scarpa, 70' Scarpa, 74' Toscano, 83' Toscano rig.) Sguizzato di Verona / 01/03/1981 Cos.-Liv. 1-0 (47' Prima rig.) Laricchia di Bari



1982-83 serie C1/B 26/09/1982 Liv.-Cos 2-1 (8' Rossi L, 34' Longobucco C, 89' Rossi L) Giannone di Jesi / 06/02/1983 Cos.-Liv. 1-0 (61' Conte) Da Pozzo di Monza



1985-86 serie C1/B 06/10/1985 Cos.-Liv. 0-0 Mitrugno di Legnano / 09/02/1986 Liv.-Com. 1-1 (59' Russo C, 61' Gaudenzi L) Manfredini di Modena



1986-87 serie C1/B 30/11/1986 Cos.-Liv. 1-0 (90' Giansanti) Cucchiara di Bari / 18/04/1987 Liv.-Cos. 0-0 Vasselli di Roma



2002-03 serie B 15/12/2002 Liv.-Cos. 4-2 (25' Negri L, 42' Alteri C, 43' Negri L, 70' Doga L, 72' Perrone C, 90' Negri L) Cruciani di Pesaro / 17/05/2003 Cos.-Liv. 0-2 (40' Bortolazzi, 59' I. Protti) Cruciani di Pesaro



Totale gare disputate in campionato: 10. Vittorie Livorno 4, pareggi 3, vittorie Cosenza 3. Reti fatte Livorno 13, subite 7.



A Livorno: 5. Vittorie Livorno 3, pareggi 2, vittorie Cosenza 0. Reti fatte Livorno 11, subite 4.



A Cosenza: 5. Vittorie Cosenza 3, pareggi 1, vittorie Livorno 1. Reti fatte Cosenza 3, subite 2.



Marcatori del Livorno: 3 reti Negri; 2 reti Scarpa, Toscano, Rossi; 1 rete Gaudenzi, Doga, Bortolazzi I. Protti.




commenta
Conosciamoli meglio: il Crotone
lunedė 10 settembre 2018 - 21:25
 


Crotone Football Club s.r.l. (1956)



Il Football Club Crotone è stato fondato nel 1923. Il Crotone può vantare nel corso della sua storia 12 partecipazioni alla serie B. I colori sociali sono il rosso e il blu. I giocatori crotonesi vengono soprannominati Squali o Pitagorici. Nel 1923 nacque la Società Sportiva Crotona e dopo alcuni anni cambiò denominazione in Società Sportiva Milone. Solo nel 1945 cominciò la vera attività sportiva della squadra crotonese, iscrivendosi al campionato di serie C. Negli anni Sessanta e Settanta la squadra si assesta in serie C. Nel 1979 la società fallisce e riparte dalla Prima Categoria Calabrese. Quindi iniziò una scalata che portò i rossoblu nel 1982 in serie D. Nel 1983/84 il Crotone riuscì a centrare la promozione in serie C2. Dopo appena un anno retrocedette nel Campionato Interregionale ma nel 1987 riuscì a conquistare la promozione in serie C2. Dopo una nuova retrocessione nel 1991 arrivò un nuovo fallimento societario e ancora una volta ripartì dalla Prima Categoria Calabrese. Nel giro di pochi anni riuscì a centrare diverse promozioni che portarono la squadra, nel 1998, in serie C1. Nel 2000, la società calabrese, raggiunse per la prima volta la storica promozione in serie B. Dopo due anni retrocesse nuovamente in serie C1. Poi nel 2004, i rossoblu, riuscirono con la guida tecnica di Gasperini a conquistare la serie B dopo aver vinto la finale playoff contro la Viterbese. Dopo una nuova retrocessione, nel 2007, il Crotone riconquistò la serie B nel 2009. Nella stagione 2015/16 il sogno si realizza con la promozione in serie A.



Presidente: Raffaele Vrenna nasce il 20 dicembre del 1958 a Crotone. Nel 1977 fonda una radio e, nel 78, la sua prima tv privata: Quarto Canale. Negli anni 80, Raffaele Vrenna si avvicina al settore turistico con la discoteta Club '83. Nel 1986 si affaccia sul mercato della distribuzione farmaceutica. Dal 1992 ricopre il ruolo di presidente del Crotone Calcio. Dal 2000 al 2002 assume il ruolo di Consigliere Federale della Lega Calcio di serie A e B. Nel 2005 diventa il presidente degli industriali di Crotone, assumendo la carica di vicepresidente di Confindustria regionale.



Consiglio d'amministrazione: Gianni Vrenna, Antonio Vrenna, Raffaele Marino



Direttore generale: Raffaele Vrenna jr



Dirigenza: Raffaele Vrenna jr, Beppe Ursino, Emanuele Roberto



Responsabile marketing: Luigi Pignolo



Responsabile comunicazione: Rocco Meo



Responsabile creativo: Giuseppe Sansalone



Responsabile ufficio stampa e Fctv: Luciano Ieradi



Ufficio stampa e area web: Idemedia



Commerciale: Giovanna Romeo



Operatore di ripresa: Luigi Le Rose



Fotografo: Antonino D'Urso



Sistemi It: Francesco Arabia



Segretario generale: Emanuele Roberto



Responsabile finanza e controllo: Antonio Vrenna



Area amministrazione e responsabile biglietteria: Rosario Panebianco



Direttore sportivo: Beppe Ursino



Responsabile scouting: Graziano Ursino



Delegato alla sicurezza: Guerino Scida



Vice-delegato alla sicurezza: Rosario Panebianco



Slo: Sandro Oliverio



Addetto manutenzione manto erboso: Giuseppe Falbo



Responsabile magazzino: Franco Alessi



Magazzinieri: Ruslan Zgashchak, Bruno Figliuzzi, Rodolfo Scalise



Segretario sportivo: Anselmo Iovine



Team manager: Eugenio Caligiuri



Addetto agli arbitri: Valentino Pedullà



Allenatore: Giovanni Stroppa nasce il 24 gennaio 1968 a Mulazzano, in provincia di Lodi. Cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Milan. Con i rossoneri vince la Coppa Italia Primavera nella stagione 1984-85. Nel 1987 viene ceduto in prestito al Monza, dove disputa due stagioni e nel campionato 1987-88 conquista la Coppa Italia serie C. Quindi torna al Milan e in due anni conquista una Coppa dei Campioni (1989-90), due Coppe Intercontinentali (1989, 1990) e due Supercoppe (1989, 1990). Nel 1991 passa alla Lazio dove giocherà per due stagioni. Nel 1993 viene acquistato dal Foggia di Zeman. In Puglia realizza il record di marcature stagionali (8). Inoltre viene convocato anche in Nazionale, dove dal 1993 al 1994 prende parte a quattro gare. Colleziona anche sette presenze e 3 reti con la Nazionale Under 21. Nel 1994 passa nuovamente al Milan, alzando altri due trofei: una Supercoppa e una Supercoppa italiana. Nel 1995 si trasferisce all'Udinese. L'avventura friulana dura due stagioni ma il campionato 1996-97 viene condizionato prima da un grave incidente d'auto, poi da un infortunio sul campo. Dal 1997 al 2000 passa al Piacenza in serie A. Nel gennaio del 2000 passa Brescia. Quindi si trasferisce al Genoa in serie B, dove rimarrà per due anni. L'anno dopo approda all'Alzano Virescit. Nella stagione 2003-04 passa all'Avellino dove ritroverà Zeman. Nella stagione seguente tornerà a Foggia. Infine nella stagione 2005-06 concluderà la carriera calcistica nel Chiari in serie D. Stroppa come allenatore inizia la sua carriera con la Primavera del Milan nel 2010, con cui vince la Coppa Italia Primavera. Il 13 luglio 2011 diventa l'allenatore del Sudtirol in Lega Pro. Termina la stagione al 7° posto. Nel 2012 firma un contratto con il Pescara neopromosso in serie A ma dopop appena quattro mesi viene esonerato. Il 20 giugno 2013 passa alla guida dello Spezia in serie B. Il 14 dicembre viene rimosso dopo la sconfitta per 4-0 contro il Varese. Il 20 aprile 2015 torna sulla panchina del Sudtirol, dove conclude il campionato all'11° posto. L'anno successivo viene confermato e termina la stagione al 10° posto. Infine il 14 agosto del 2016 viene ingaggiato dal Foggia. Stroppa riporta il club pugliese in serie B dopo 19 anni e il 27 maggio 2017 conquista la Supercoppa di Lega Pro battendo 4-2 il Venezia. Nella stagione 2017-18 viene confermato alla guida dei satanelli, dove sfiora l'approdo ai playoff piazzandosi al 9° posto. Il 20 giugno 2018 diventa il nuovo tecnico del Crotone, appena retrocesso in serie B



Allenatore in 2.a: Vincenzo Guerra



Collaboratore tecnico: Giuseppe Brescia



Preparatori atletici: Sergio Mascheroni, Fabio Allevi



Preparatore atletico e recupero infortuni: Elmiro Trombino



Preparatore portieri: Antonio Macrì



Responsabile sanitario: dott. Massimo Iera



Medici sociali: dott. Massimo Terra, dott. Loris Broccolo



Nutrizionista: Vincenzo Pace



Fisioterapisti: Armando Cistaro, Vincenzo Petrocca, Gianluca Panebianco



Osteopata: Rocco Massara



Direttore tecnico settore giovanile: Antonio Galardo



Coordinatore attività agonistiche: Francesco Farina



Segretrario sportivo: Carlo Taschetti



Team manager: Piergiuseppe Ceraso



Allenatore "Primavera": Ivan Moschella



Campo di gioco: stadio "Ezio Scida". Quest'ultimo era un giocatore crotonese morto il 19 gennaio 1946 durante una trasferta con la squadra. Nel 1999 viene ristrutturato. Viene edificata la curva Nord e vengono ingrandite la Tribuna scoperta, la Tribuna coperta e il settore ospite. L'anno successivo, con la promozione in serie B, viene riedificata la curva Sud. La capienza è di 16.108 spettatori



Colori sociali: 1^ divisa maglia rosso-blu, calzoncini blu e calzettoni blu; 2^ divisa maglia bianca con striscie verticali rosso-blu, calzoncini e calzettoni bianchi



Sponsor: Lewer



Sponsor tecnico: Zeus Sport



Precedenti a Livorno in campionato: partite disputate 5 (5 in serie B); vittorie Livorno 2 (stagione 2014-15, 1-0), pareggi 1 (stagione 2015/16, 0-0), vittorie Crotone 2 (stagione 2012-13, 1-2)



Precedenti a Crotone in campionato: partite disputate 5 (5 in serie B); vittorie Crotone 3 (stagione 2015-16, 3-0), pareggi 0, vittorie Livorno 2 (stagione 2012-13, 1-2)



Classifica: 5° posto con 3 punti a pari merito con Spezia e Venezia



Cannonieri: Firenze, Nalini, Rohden, Faraoni con una rete



Crotone fuori casa: 1 sconfitta (3-0 Cittadella). Reti fatte 0, subite 3



Diffidati: nessuno



Indisponibili: Barberis, Vaisanen



Squalificati: nessuno



Probabile formazione (3-5-2): Cordaz, Sampirisi, Golenic, Marchizza, Faraoni, Rohden, Benali, Firenze, Martella, Budimir, Nalini.



Prima squadra



Portieri: Cordaz 1983, Festa 1992, Figliuzzi 2000.



Difensori: Cuomo 1998, Curado 1995, Golemic 1991, Liviera 2000, Marchizza 1998, Martella 1992, Sampirisi 1992, Vaisanen 1994, Valietti 1999.



Centrocampisti: Aristoteles 1995, Barberis 1993, Benali 1992, Crociata 1997, Faraoni 1991, Firenze 1993, Molina 1992, Rohden 1991, Zanellato 1998.



Attaccanti: Budimir 1991, Nalini 1990, Nanni 2000, Ruggiero 2001, Sapone 2000, Stoian 1991, Simy 1992, Spinelli 1997, Tripoli 2001.



Movimenti di mercato



Arrivi: Firenze 1993 centrocampista dal Venezia (fine prestito), Benali 1992 centrocampista dal Pescara (definitivo), Marchizza 1998 difensore dall'Avellino (prestito/Sassuolo), Aristoteles 1995 centrocampista dal NK Ankaran-Slovenia (fine prestito), Spinelli 1997 attaccante dal San Martin-Argentina (prestito/Genoa), Valietti 1999 difensore dall'Inter Primavera (prestito/Genoa), Curado 1995 difensore dal Arsenale FC-Argentina (prestito/Genoa), Molina 1992 centrocampista dall'Avellino (definitivo), Golemic 1991 difensore dal Lugano (definitivo), Nanni 2000 attaccante dal Cesena Primavera (definitivo), Markovic 2000 attaccante alla Juventus (prestito), Vaisanen 1994 difensore dalla Spal (prestito).



Partenze: Viscovo 1999 portiere alla Vibonese (prestito), Ceccherini 1992 difensore alla Fiorentina (definitivo), Capuano 1991 difensore al Cagliari (fine prestito), Ajeti 1993 difensore al Torino (fine prestito), Simic 1995 difensore al Milan (fine prestito), Mandragora 1997 centrocampista all'Udinese (definitivo), Trotta 1992 attaccante al Sassuolo (fine prestito), Ricci 1994 attaccante al Benevento (prestito/Sassuolo), Tumminiello 1998 attaccante all'Atalanta (definitivo), Diaby 1999 attaccante al Paris SG-Francia (fine prestito), Cabrera 1991 difensore al Getafe-Spagna (definitivo), Suljic 1996 centrocampista al Cuneo (prestito).



Precedenti in campionato dalla stagione 2010-11



2010-11 serie B 13-11-2010 Cro.-Liv. 2-1 (18' Russotto C, 48' Surraco L, 80' Curiale C) Tozzi di Ostia Lido / 16-04-2011 Liv.-Cro. 1-2 (33' Djuric C, 44' Cutolo C, 94' Tavano L) Ostinelli di Como



2011-12 serie B 27-08-2011 Cro.-Liv. 1-2 (13' Florenzi C, 18' Dionisi rig. L, 85' Dionisi rig. L) Palazzino di Ciampino / 14/01/2012 Liv.-Cro. 2-1 (4' Sansone C, 24' Paulinho L, 49' Dionisi rig. L) Baratta di Salerno



2012-13 serie B 29/09/2012 Cro.-Liv. 1-2 (21' Luci L, 39' Gabionetta C, 87' Siligardi L) Pasqua di Tivoli / 26/02/2013 Liv.-Cro. 1-2 (27' Paulinho L, 43' Gabionetta rig. C, 64' Ciano C) Pairetto di Nichelino



2014-15 serie B 03/10/2014 Liv.-Cro. 1-0 (62' Bernardini) Pezzuto di Lecce / 28/02/2015 Cro.-Liv. 1-0 (20' Ciano) Abbattista di Molfetta



2015-16 serie B 17/10/2015 Cro.-Liv. 3-0 (36' Balasa, 65' Torromino, 84' Capezzi) Manganiello di Pinerolo / 01/03/2016 Liv.-Cro. 0-0 Saia di Palermo



Partite disputate: 10. Vittorie Livorno 4, pareggi 1, vittorie Crotone 5. Reti fatte Livorno 10, subite 13.



A Livorno: 5. Vittorie Livorno 2, pareggi 1, vittorie Crotone 2. Reti fatte Livorno 5, subite 5.



A Crotone: 5. Vittorie Crotone 3, pareggi 0, vittorie Livorno 2. Reti fatte Crotone 8, subite 5.



Marcatori del Livorno: 3 reti Dionisi; 2 reti Paulinho; 1 rete Surraco, Tavano, Luci, Siligardi, Bernardini.



Coppa Italia



2008-09 Terzo Turno Eliminatorio 23/08/2008 Crotone-Livorno 0-3 (27' Filippini, 48' Diamanti, 58' Tavano) Ciampi di Roma (Livorno passa al 4° turno) 2018-19 Terzo Turno Eliminatorio 12/08/2018 Livorno-Crotone 0-1 (61' Rohden) Rocchi di Firenze (Livorno eliminato)




commenta
Di tutto...di pių..il Pescara delll'ex Giuseppe Pillon
giovedė 30 agosto 2018 - 19:34
 


Delfino Pescara 1936 s.r.l. (1936)



Il 4 luglio 1936 nasceva il Pescara Calcio, approdato in serie A ben sei volte nella sua storia. Ha partecipato a trentasette campionati di serie B. Nel 1936 la squadra assunse il nome di Associazione Sportiva Pescara. Il nuovo club adottò come colori sociali: il bianco e l'azzurro. Nel 1937/38 esordì nel girone D di Prima Divisione Abruzzese. Al termine della stagione 1940/41 arrivò per il Pescara la prima promozione in serie B. Nella stagione 1976/77, dopo gli spareggi, ottenne la prima promozione il serie A per il club adriatico.



Presidente: Daniele Sebastiani è un imprenditore pescarese, attivo nel business della finanza (leasing) e delle costruzioni. Il 28 novembre 2011 viene nominato presidente del club abruzzese. Il numero uno del sodalizio biancazzurro è riuscito a portare il Pescara per due volte in serie A (2011/12 e 2015/16)



Presidente onorario: Vincenzo Marinelli



Vice-presidente: Gabriele Bankowski



Consigliere: Roberto Druda



Direttore sportivo: Luca Leone



Direttore tecnico: Giorgio Repetto



Segretario generale: Luigi Gramenzi



Segretario sportivo: Tonino Falcone



Responsabile area marketing: Vincenzo De Prisco



Area marketing: Pietro Falconio



Amministrazione: Elena Di Stefano



Responsabile biglietteria: Francesco Troiano



Team manager: Andrea Gessa



Responsabile area comunicazione: Massimo Mucciante



Supporter Liaison Officer: Giovanni Potenza



Segreteria: Catia Crocetta



Allenatore: Giuseppe Pillon è nato nel 1957 a Preganziol in provincia di Treviso. La carriera da calciatore inizia alla metà degli anni '70 (Alessandria) e finisce negli anni '90 con il Treviso. Inoltre ha indossato anche le maglie di Seregno, Padova, Pordenone, Prato, Asti, Spezia e Giorgione. Da allenatore il suo cammino è iniziato nella stagione 1992/93 nel Salvarosa (Promozione veneta). Nel 1994 l'esperienza al Bassano nel Campionato Nazionale Dilettanti (3° posto). Quindi il miracolo Treviso portato in tre anni dalla serie D alla serie B. Dopo le sfortunate esperienze con Padova (esonerato dopo 18 giornate e sostituito da Colautti), Genoa (esonerato e sostituito da Cagni), Lumezzane (dove subentra a Scanziani) e Pistoiese (esonerato dopo 17 giornate e sostituito da Caso). Nel 2001 passa all'Ascoli. Il primo anno ottiene una promozione in serie B, vincendo anche la Supercoppa di Lega di serie C proprio contro il Livorno (andata Ascoli-Livorno 1-0 e ritorno Livorno-Ascoli 2-1) mentre il secondo anno ottiene una tranquilla salvezza (12° posto). Nel 2003 a novembre sostituisce Marco Tardelli al Bari, dove perde lo spareggio salvezza contro il Venezia. Ma in estate i pugliesi conserveranno la categoria a seguito del fallimento dell'Ancona e il Napoli. Nel 2004 ritorna al Treviso sostituendo D'Astoli, con la squadra all'ultimo posto in classifica. A fino anno il Treviso si piazza al 5° posto. Disputa i playoff ma in semifinale viene eliminato dal Perugia. Comunque in estate arriverà la prima storica promozione in serie A a seguito della condanna sportiva del Genoa e le mancate iscrizioni del Torino e del Perugia. Nel 2005 viene ingaggiato dal ChievoVerona, dove ottiene il 7° posto e la qualificazione alla Coppa Uefa. In seguito alla scandalo del calcio italiano nel 2006, ottiene il 4° posto e la qualificazione alla Champions League. Nel campionato successivo dopo appena sei giornate e un punto conquistato, viene sostituito da Luigi Del Neri. Il 13 giugno 2007 torna per la terza volta sulla panchina del Treviso in serie B. La squadra fu allestita per vincere il campionato ma la compagine biancazzurra non darà i frutti sperati, chiudendo il campionato al 18° posto. Nel 2008 una breve esperienza alla Reggina durata tre gare e sfociata nell'esonero del tecnico veneto. Quindi il ritorno all'Ascoli al posto di Alessandro Pane. Pillon conduce i bianconeri alla salvezza (9° posto). Nel 2010/11 l'esperienza al Livorno in serie B. Dopo 26 giornate di campionato (8 vittorie, 9 pareggi ed altrettane sconfitte) viene esonerato il 12 febbraio 2011 (Portogruaro-Livorno 2-0) e sostituito da Walter Novellino. Il 2 ottobre 2011, dopo l'esonero di Alfredo Aglietti, firma un contratto che lo lega all'Empoli. Ma dopo nove giornate viene esonerato e sostituito da Carboni. Il 16 marzo 2013 torna ad allenare la Reggina. Termina la sua seconda avventura sulla panchina degli amaranto, con la salvezza della squadra calabrese (17° posto). Il 17 marzo 2014 il Carpi lo ingaggia in sostituzione dell'esonerato Stefano Vecchi e porta la squadra ad una tranquilla salvezza (12° posto). Il 16 marzo 2015 passa alla guida del Pisa in Lega Pro, in sostituzione dell'esonerato Piero Braglia. Dopo appena una settimana dal suo ingaggio, decide di dimettiersi in seguito alle sconfitte contro Lucchese e San Marino. Il 2 dicembre 2015, dopo 18 anni, diventa il nuovo allenatore del Padova, sostituendo l'esonerato Carmine Parlato. Chiude la stagione al 5° posto ma la società biancoscudata non gli rinnova il contratto. Il 15 aprile 2017 viene ingaggiato dall'Alessandria in sostituzione di Piero Braglia. Porta il club piemontese fino alla finale playoff, dove viene sconfitta dal Parma che approda in serie B. Nonostante l'accesso a una storica finale il club decide di non rinnovargli il contratto. Il 4 aprile 2018 sostituisce Massimo Epifani sulla panchina del Pescara. Termina il campionato al 17° posto e la società adriatica lo conferma



Allenatore in 2.a: Emanuele Pesoli



Preparatore dei portieri: Gabriele Aldegani



Match analyst: Diego Labricciosa



Medico sociale: dott. Michele Abate



Responsabile staff fisioterapia: Claudio D'Arcangelo



Fisioterapisti: Marco Rossi, Rocco Trivarelli



Capo magazziniere: Luciano Palombi



Magazziniere: Gabriele Colantonio



Direttore generale settore giovanile: Giuseppe Geria



Coordinatore tecnico: Antonio Di Battista



Responsabile scuola calcio: Angelo Londrillo



Ufficio stampa giovanili: Andrea Mazzetti



Allenatore "Primavera": Massimo Epifani



Campo di gioco: stadio Adriatico "G. Cornacchia" viene inaugurato il 29 dicembre 1955. Nel 1977 lo stadio subisce delle modifiche: ampliamento delle curve e delle tribune con l'innesto di un secondo anello. L'impianto segue la linea dello stadio Olimpico di Roma. Lo stadio è stato ristrutturato nel 2008 e nel 2009. A ottobre, sempre del 2009, lo stadio è stato intitolato all'atleta pescarese Giovanni Cornacchia, specialista dei 110 m ostacoli. Oggi lo stadio "Adriatico" di Pescara, ha una capienza di 20.486 posti



Colori sociali: 1^ divisa maglia bianco-azzurra, calzoncini e calzettoni bianchi; 2^ divisa maglia verde, calzonicini e calzettoni verdi



Sponsor: Saquella Caffè, Sarni, Liofilchem



Sponsor tecnico: Erreà



Gli ex amaranto: Vincenzo Fiorillo, portiere classe 1990, a Livorno ha giocato nel 2012 per un totale di 28 presenze (totale minuti giocati 2.444'). Con gli amaranto ha ottenuto la promozione in serie A dopo la finale playoff con l'Empoli nella stagione 2012/13. Andrea Palazzi, classe 1996, centrocampista centrale inizia a giocare nelle giovanili dell'Inter. Il 2 luglio 2015 l'Inter lo gira in prestito al Livorno, in serie B. Debutta in campionato con la maglia amaranto il 18 settembre in Livorno-Brescia 3-1. Termina il campionato con appena 11 presenze, per un totale di 288' minuti giocati. Gabriele Aldegani è il preparatore dei portieri del Pescara. Il quarantaduenne nato a Venezia ha difeso anche la porta del Livorno, in tre annate diverse. Per lui solo tre presenze (due nella stagione 2002/03, nessuna nella stagione 2012/13 e una nella stagione 2013/14). Nel primo campionato di serie B fece la riserva di Marco Amelia, giocando due gare per un totale di 180' minuti: Livorno-Ternana 1-2 e Livorno-Catania 2-1. Nel secondo campionato, c'era anche lui, pur non scendendo mai in campo, la stagione 2012/13, terminò con la promozione in serie A. Nel terzo campionato di serie A subentrò all'ultima giornata di campionato a Luca Anania, negli ultimi sette minuti di Parma-Livorno 2-0. In quella stagione fece da chioccia al titolare Francesco Bardi. Infine l'allenatore del Pescara, Giuseppe Pillon. Nato nel 1957 a Preganziol in Veneto, ha svolto una buona carriera di allenatore, iniziata nel 1992 alla guida del Salvarosa. Il 4 giugno 2010 si accorda con il Livorno appena retrocesso dalla serie A. Il rendimento un pò troppo altalenante, spinge il presidente Aldo Spinelli ad esonerarlo dopo 26 giornate, il 12 febbraio 2011 dopo la sconfitta a Portogruaro (2-0).



Precedenti a Pescara in campionato: partite disputate 7 (1 in serie A-B, 5 in B, 1 in C1); vittorie Pescara 2 (stagione 2015-16, 2-1), pareggi 2 (ultimo stagione 2003-04,0-0), vittorie Livorno 3 (ultima stagione 2011-12, 0-2)



Classifica: 2° posto con 1 punto



Capocannoniere: Leonardo Mancuso, classe 1992, ruolo ala destra con una rete



Diffidati: nessuno



Indisponibili: Scalera



Squalificati: Marras



Probabile formazione (4-3-3): Fiorillo, Ciofani, Perrotta, Gravillon, Balzano, Memushaj, Brugman, Machin, Mancuso, Cocco, Antonucci.



Prima squadra



Portieri: Fiorillo 1990, Galante 2002, Kastrati 1997.



Difensori: Balzano 1986, Campagnaro 1980, Ciofani 1988, Del Grosso 1983, Elizalde 2000, Fornasier 1993, Gravillon 1998, Perrotta 1994, Scalera 1998, Sconamiglio 1987.



Centrocampisti: Brugman 1992, Capone 1999, Crecco 1995, Kanoutè 1998, Machin 1996, Melegoni 1999, Memushaj 1986, Palazzi 1996, Proietti 1992.



Attaccanti: Antonucci 1999, Cocco 1986, Del Sole 1998, Forte 1994, Mancuso 1992, Marras 1993, Monachello 1994, Yamga 1996.



Movimenti di mercato



Arrivi: Melegoni 1999 centrocampista dall'Atalanta Primavera (prestito), Crecco 1995 centrocampista dalla Lazio Primavera (definitivo), Scognamiglio 1987 difensore dal Cesena (definitivo), Forte 1994 attaccante dal Monza (fine prestito), Memushaj 1986 centrocampista dal Benevento (definitivo), Kastrati 1997 portiere dal KF Teuta-Albania (fine prestito), Marras 1993 attaccante dal Trapani (definitivo), Gravillon 1998 difensore dal Benevento (definitivo), Kanoutè 1998 centrocampista dall'Ascoli (fine prestito), Del Grosso 1983 difensore dal Venezia (definitivo), Antonucci 1999 attaccante dalla Roma (prestito), Monachello 1994 attaccante dall'Ascoli (prestito/Atalanta), Ciofani 1988 difensore dal Frosinone (definitivo), Scalera 1998 difensore dal Bari (definitivo), Del Sole 1998 attaccante dalla Juventus Primavera (prestito).



Partenze: Fiamozzi 1993 difensore al Lecce (definitivo), Crescenzi 1991 difensore all'Hellas Verona (definitivo), Mazzotta 1989 difensore al Palermo (definitivo), Falco 1992 centrocampista al Lecce (definitivo), Coulibaly 1999 centrocampista all'Udinese (fine prestito), Valzania 1996 centrocampista all'Atalanta (fine prestito), Carraro 1998 centrocampista al Foggia (prestito/Atalanta), Pettinari 1992 attaccante al Lecce (definitivo), Baez 1995 attaccante al Cosenza (prestito/Fiorentina), Cappelluzzo 1996 attaccante all'Hellas Verona (fine prestito), Bunino 1996 attaccante alla Juventus (prestito).



Precedenti in campionato dalla stagione 1945-46



1945-46 serie A-B 30/12/1945 P.Liv.-Pes. 1-0 (73' Raccis) Stampacchia di Napoli / 07/04/1946 Pes.-P.Liv. 1-2 (5' Raccis L, 65' Guarnieri P, 82' Picchi I L) Cappucci di Roma



1982-83 serie C1/B 05/12/1982 Liv.-Pes. 1-3 (15' Mazzeo P, 31' Mazzeo P, 52' Tacchi P, 76' Piga L) Ongaro di Rovigo / 24/04/1983 Pes.-Liv. 1-1 (87' Massi P, 90' Nuccio L) Mele di Bergamo



2003-04 serie B 09/11/1993 Pes.-Liv. 0-0 Bergonzi di Genova / 03/04/2004 Liv.-Pes. 5-1 (28' C. Lucarelli rig. L, 47' I. Protti L, 53' C. Lucarelli rig. L, 74' I. Protti L, 76' Gorgone P, 79' Danilevicius L) Nucini di Bergamo



2010-11 serie B 04/12/2010 Liv.-Pes. 1-1 (13' Mengoni P, 54' Schiattarella L) / 06/05/2011 Pes.-Liv. 0-1 (15' Pinna aut.) Tozzi di Ostia Lido



2011-12 serie B 05/11/2011 Liv.-Pes. 3-1 (21' Cascione P, 23' Paulinho L, 37' Paulinho L, 59' Barone L) Cervellera di Taranto / 15/05/2012 Pes.-Liv. 0-2 (4' Dionisi, 12' Belingheri) Baratta di Salerno



2014-15 serie B 28/12/2014 Liv.-Pes. 1-2 (36' Galabinov L, 48' Maniero P, 80' Maniero rig. P) Abisso di Palermo / 22/05/2015 Pes.-Liv. 3-0 (30' Melchiorri, 52' Bjarnason, 92' Bjarnason) Maresca di Napoli



2015/16 serie B 06/09/2015 Liv.-Pes. 4-0 (7' Vantaggiato rig., 33' Vantaggiato, 41' Ceccherini, 53' Fedato) Saia di Palermo / 16/01/2016 Pes.-Liv. 2-1 (56' Moscati L, 66' Cocco rig. P, 92' Caprari rig. P)



Partite disputate: 14. Vittorie Livorno 7, pareggi 3, vittorie Pescara 4. Reti fatte Livorno 23, subite 15.



A Livorno: 7. Vittorie Livorno 4, pareggi 1, vittorie Pescara 2. Reti fatte Livorno 16, subite 8.



A Pescara: 7. Vittorie Pescara 2, pareggi 2, vittorie Livorno 3. Reti fatte Pescara 7, subite 7.



Marcatori del Livorno: 2 reti Raccis, C. Lucarelli, I. Protti, Paulinho, Vantaggiato; 1 rete Picchi I, Piga, Nuccio, Danilevicius, Schiattarella, Barone, Dionisi, Belingheri, Galabinov, Ceccherini, Fedato, Moscati. Più un'autorete: Pinna.



Coppa Italia



2001-02 serie C (quarti di finale) 16/01/2002 Liv.-Pes. 2-0 and. (8' Saverino rig., 73' Martino) Liberti di Genova / 06/02/2002 Pes.-Liv. 2-1 rit. (69' Tisci rig. P, 79' Scichilone L, 90' Tisci P) Livorno passa in semifinale




commenta
Speciale Amaranto
Dì la tua su ...
La Pagella di Carlo
 
SONDAGGIO
Lucarelli va esonerato?
Si
No
Non so'
Risultati

Classifica aggiornata al 20/10/2018

Pescara 18
Hellas Verona 13
Spezia 12
Brescia 12
Lecce 12
Cittadella 11
Palermo 11
Cremonese 11
Benevento 10
Crotone 10
Salernitana 10
Ascoli 9
Perugia 8
Cosenza 7
Padova 6
Carpi 5
Foggia 4
Venezia 4
Livorno 2

 

 

 


Sito ad aggiornamento aperiodico gestito da Raimondo Bongini - © 2013 illivornese.it all rights reserved. Web design by Esse-I Soluzioni Informatiche
Tutti i marchi ed immagini pubblicati sono proprietà dei rispettivi titolari e vengono utilizzati senza fine di lucro